Carlotta Mantovan/ Haters contro la moglie di Frizzi: “Sempre la stessa smorfia, sei pesante!”

Carlotta Mantovan presa di mira dagli haters sui social per via del suo sorriso per alcuni “sempre la stessa smorfia”. Il suo ritorno su Instagram sarà devastante per lei?

10.01.2019 - Hedda Hopper
carlotta-mantovan-moglie-frizzi
Carlotta Mantovan, prima intervista dopo la scomparsa di Fabrizio Frizzi

Carlotta Mantovan è ormai diventato un volto noto del gossip e della tv. L’amata moglie di Fabrizio Frizzi è apparsa sorridente al fianco del marito nelle sue ultime settimane di vita, poi addolorata e stretta nel suo lutto nel momento della morte e solo qualche settimana fa ha deciso di tornare in tv e sui social. Antonella Clerici l’ha presa sotto la sua ala e l’ha voluta al suo fianco su Rai1 per il revival di Portobello e questo suo venir fuori l’ha spinta anche a tornare sui social dove spesso posta le foto dei suoi più grandi amori ovvero la figlia avuta dal conduttore, la piccola Stella, e i suoi cavalli. Carlotta Mantovan non ostenta la sua vita, non mostra il suo fisico, non è mai esagerata nelle foto e nei pensieri che affida ai social ma, nonostante tutto, anche per lei è arrivato il momento di fare i conti con i temibili haters, gli odiatori del web.

IL SORRISO DI CARLOTTA MANTOVAN SOTTO ACCUSA

A finire sotto accusa non è la sua vita ma è addirittura il suo sorriso. Carlotta Mantovan è una donna acqua e sapone e il suo sorriso tenero e sincero ha conquistato migliaia di followers ma, a quanto pare, però non piace a tutti e qualcuno ha avuto il coraggio di accusarla di usare sempre la stessa smorfia e di essere addirittura un po’ petulante e pesante per questo. In particolare, proprio tra i commenti social arrivati in una fanpage dedicata alla moglie di Fabrizio Frizzi, un utente ha scritto: “Credo che un dolore così sia devastante, però vedo sempre la stessa smorfia… Fotografie uguali tra loro… Pesanti“. Il resto degli utenti ha invece fatto come sempre gli auguri e i complimenti alla bella Carlotta, siamo sicuri che il suo sorriso rimarrà tale anche dopo qualche battutina poco gradita dei cosiddetti leoni da tastiera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA