Mamma di Francesco Chiofalo contro Selvaggia Roma/ “Non si sa se il tumore è benigno. Si deve vergognare!”

La mamma di Francesco Chiofalo risponde a Selvaggia Roma: “Non si sa se il tumore è benigno. Certa gente si deve solo vergognare!”

11.01.2019 - Anna Montesano
Francesco Chiofalo con la mamma

Passata la preoccupazione di un intervento così delicato e pericoloso, la madre di Francesco Chiofalo ha deciso di dar voce, attraverso il profilo Instagram del figlio, al suo pensiero e chiarire alcuni punti che l’hanno molto infastidita. “Sono la mamma di Francesco, volevo prendere due parole per le cose lette in questi giorni” esordisce la signora, prima di dare sfogo a quella che pare essere una chiara replica al commento di Selvaggia Roma in merito al tumore del suo ex fidanzato. “Un angioma benigno non è morte. E la cosa più schifosa è aver fatto storie e aver giocato sul fatto che poteva marciare su questo caso.” aveva scritto Selvaggia, in risposta ai fan che l’accusavano di non aver avuto un pensiero per Chiofalo, in un commento poi cancellato. Sono state probabilmente queste le parole che hanno portato la madre di Francesco a fare un lungo intervento di chiarimento. “Un tumore al cervello se benigno o maligno non lo si può stabilire a priori. – scrive la donna – Deve essere estratto chirurgicamente, di conseguenza analizzato con un esame istologico per capire la tipologia del tumore. Le tempistiche tecniche del risultato di questo esame sono di due settimane dall’estrazione chirurgica… PRIMA NON LO SI PUO’ SAPERE!”

L’amaro sfogo della mamma di Francesco Chiofalo: “Vergogna!”

La mamma di Francesco Chiofalo ammette che le preoccupazioni in merito al tumore del figlio sono ancora tante. “Noi stiamo in attesa, sperando che il tumore sia benigno. Ma anche qualora il tumore fosse benigno è stato dovuto estrarre d’urgenza, perché aveva un diametro di 6 cm (una palla da biliardo) ed era situato nella falce della meninge celebrare che rischiava di comprimere alcuni centri nervosi vitali, apportando a Francesco dei grandi danni permanenti irreversibili.” spiega. Poi aggiunge: “Mio figlio all’età di 29 anni si è dovuto sottoporre ad un intervento di microchirurgia lungo e complesso, con alte probabilità di invalidità permanenti. Per ora sembra che sia andato tutto bene ma stiamo ancora in attesa del risultato dell’esame istologico per sapere se il tumore fosse benigno o maligno!” La signora Chiofalo sottolinea come tutta la famiglia sia ancora tanto scossa per quanto accaduto, così conclude con una stoccata che pare essere proprio per Selvaggia Roma: “Chiunque stia cercando polemiche e visibilità, sparando pensieri negativi, diagnosi errate sulla base del niente solo per avere un po’ di visibilità, su un argomento così importante e delicato si deve solo vergognare!”



© RIPRODUZIONE RISERVATA