Sabrina Ferilli, divieto avvicinamento allo stalker/ Atti persecutori per 10 anni

- Emanuela Longo

Sabrina Ferilli, lo stalker 68enne individuato grazie a denuncia dettagliata dell’attrice: disposto il divieto di avvicinamento nei suoi confronti

sabrina ferilli
Sabrina Ferilli

“Divieto di avvicinamento”: è questa la misura disposta dal gip di Roma – su richiesta della Procura – per lo stalker di Sabrina Ferilli e che da oltre dieci anni perseguitava l’attrice romana. Colui che inizialmente sembra essere solo un ammiratore un po’ sopra le righe, nel tempo si era trasformato in un vero e proprio stalker: “Mi segue ovunque, ormai lo trovo sotto casa, mi perseguita con lettere e regali”, aveva denunciato lei solo una settimana fa in Procura al culmine di numerosi anni di costanti “attenzioni”. L’uomo, un 68enne, era solito appostarsi sotto casa e inviarle costantemente lettere e regali, come dichiarato dalla stessa attrice. Giovedì è comparso davanti al pubblico ministero Maria Monteleone. Il suo profilo non è quello dell’amante possessivo o dell’ex non in grado di accettare la separazione dalla compagna. A suo carico, come riferisce Corriere della Sera nell’edizione online, l’accusa di atti persecutori. La misura del divieto di avvicinamento emessa nelle passate ore nei suoi confronti è stata disposta dal gip Arturi su richiesta dei pm Daniela Cento e Maria Monteleone.

SABRINA FERILLI, STALKER DENUNCIATO DOPO 10 ANNI

Carlo N., questo il nome dello stalker di Sabrina Ferilli, è un pensionato con una vera e propria ossessione nei confronti dell’attrice romana. L’uomo l’attendeva sotto casa o nei luoghi dove era certo di poterla trovare ogni giorno, tra cui un bar e ogni volta che la vedeva la avvicinava con messaggi definiti “farneticanti”. Dal 2009 questa sua ossessione era cresciuta arrivando a raggiungere limiti fuori dal comune e tormentando letteralmente la Ferilli. In una occasione c’è quasi stata una sorta di aggressione fisica poichè lo stalker tentò di avvicinarla afferrandola per un braccio. In altre occasioni invece aveva cercato di parlarle tramite i collaboratori o di inviarle lettere contenenti frasi deliranti del tenore di “Ho un mandato dei marziani per garantire la prosecuzione della razza umana”. Nelle ultime settimane però, per Sabrina Ferilli quella presenza ingombrante si era trasformata in un vero e proprio incubo. La decisione di sporgere denuncia è arrivata grazie al ruolo nella nuova fiction in lavorazione che la vede protagonista nei panni di un magistrato. Qui ha conosciuto la pm che l’ha convinta a denunciare. Grazie alla sua dettagliata denuncia è riuscita ad aiutare gli investigatori individuando rapidamente lo stalker.



© RIPRODUZIONE RISERVATA