Gigi Sabani/ Il figlio Gabriele come il papà: “tante volte ci fermano”

- Rossella Pastore

Gigi Sabani è stato un conduttore e imitatore di successo. A Domenica In il ricordo del figlio Gabriele e della compagna Raffaella Ponzo

Gigi Sabani
Gigi Sabani a Domenica in

Gigi Sabani è stato uno dei conduttori e imitatori di maggior successo dello spettacolo italiano. In occasione del compleanno del figlio Gabriele, Mara Venier ha invitato a Domenica In la compagna Raffaella Ponzo per ricordare il grandissimo Gigi. “Sin da piccolo gli ho fatto vedere i video e i filmati del papà, glielo ho fatto conoscere col sorriso e voglio che lui del papà abbia questa immagine” racconta Raffaella Ponzo, l’ultima compagna di Sabani. “E’ una cosa che volevamo” dice Raffaella che ricorda la sua storia d’amore con il conduttore televisivo da cui è nato Gabriele, che proprio oggi festeggia undici anni. Gabriele assomiglia tantissimo al papà; a sottolinearlo la padrona di casa Mara Venier, ma lo stesso ragazzo che confessa: “tante volte ci fermano pure”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Gigi Sabani: da La Corrida ai Telegatti

Luigi Sabani, meglio noto come Gigi Sabani, è stato un conduttore televisivo e imitatore romano. A Roma è nato il 5 ottobre 1952; a Roma è morto il 4 settembre 2007. Sempre a Roma, all’età di 5 anni, ha esordito in qualità di attore, riproducendo il suono della circolare rossa Prenestina. Poi è toccato a compagni e professori di scuola, fino all’approdo, nel 1973, alla trasmissione radiofonica La corrida. A 21 anni imitava già Claudio Baglioni, Mino Reitano e Gianni Morandi. Il programma di Corrado gli permise farsi notare e di debuttare in televisione, alla fine degli anni Settanta. Nel 1980 prende parte a Domenica in con Pippo Baudo; tra il 1981 e il 1982 è a Fantastico e conduce Premiatissima. Un anno più tardi incide A me mi torna in mente una canzone, affermandosi anche per le sue doti canore. La carriera da conduttore prosegue con Ok, il prezzo è giusto!, grazie a cui si aggiudica ben due Telegatti.

La carriera di Gigi Sabani

Dopo l’esperienza al timone dei programmi della domenica (Buona domenica su Canale 5 e Chi tiriamo in ballo? su Rai 2), Gigi Sabani torna a cantare al Festival di Sanremo. Per lui, Toto Cutugno scrive La fine del mondo, con cui arriva penultimo non senza divertire il pubblico. Per la serata finale, infatti, Sabani tira fuori la carta della comicità, imitando una ventina di personaggi. Nel 1991 è a Domenica in e a Piacere Raiuno, insieme a Toto Cutugno, Danila Bonito ed Elisabetta Gardini. Il 1992 è l’anno di Un biglietto per… la canzone del secolo con la lotteria Italia, cui seguono Ci siamo!?! su Rai 1 e Il grande gioco dell’oca su Rai 2. Nello stesso periodo collabora con gli Squallor a tre brani dell’album Cambiamento. Tornato a Mediaset, compare in Re per una notte e Momenti di gloria con Mike Bongiorno.

Gigi Sabani, controversie e vita privata

Insieme a Valerio Merola, Gigi Sabani è stato coinvolto nella vicenda giudiziaria legata alla corruzione nel mondo dello spettacolo, antesignana, per certi versi, della più recente Vallettopoli. Sabani è accusato di induzione alla prostituzione, per poi essere scagionato e risarcito per i 13 giorni trascorsi agli arresti domiciliari. Il caso segna inevitabilmente la sua carriera, che anche dopo la smentita stenta a ri-decollare. Al momento della sua scomparsa, causata da un infarto, Sabani era fidanzato con l’attrice e giornalista Raffaella Ponzo, che allora scoprì di essere incinta. Il bambino, di nome Gabriele, nacque il 19 maggio 2008. La Ponzo ha lottato per dargli il cognome del padre, riuscendoci solo nel 2011. Poco prima della morte, il medico di famiglia gli aveva diagnosticato un semplice stato di stress. Si è parlato anche di minacce nei confronti della sorella di Gigi, Isabella, a cui fu intimato di “non parlare”. Il dottore non fu mai denunciato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA