Giorgio Borghetti a Vieni da me/ “Mio figlio è il mio grande amore, ma…”

- Stella Dibenedetto

Giorgio Borghetti torna a raccontarsi a Vieni da me dopo il dolore per la morte della madre: dall’infanzia al successo come attore e doppiatore.

giorgio borghetti
Giorgio Borghetti a Vieni da me

Dopo la cassettiera di Riccardo Fogli, Caterina Balivo accoglie nuovamente nello studio di Vieni da me Giorgio Borghetti. L’attore, dopo aver raccontato al pubblico della trasmissione di Raiuno il dolore per la morte della mamma, torna a raccontarsi attraverso le canzoni della sua vita. Tra gli interpreti e doppiatori più apprezzati dagli addetti ai lavori e dal pubblico, si racconta dall’infanzia. “Ero un bambino molto dolce e sensibile, ma i miei genitori avevano l’abbonamento al pronto soccorso del Policlinico del Gemelli. Si passa, poi, ai cartoni animati. Giorgio Borghetti rivela di essere stato la voce di Benji del famoso cartone Holly e Benji. Borghetti ha così cominciato a lavorare da giovanissimo: è sua, infatti, la voce del bambino di E.T. Ne passato di Giorgio Borghetti, dunque, ci sono tantissimi successi, ma com’è, ora, la vita dell’attore?

GIORGIO BORGHETTI E L’AMORE PER IL FIGLIO

Giorgio Borghetti, oggi, è tornato anche al cinema con il film “Solo cose belle”: “torno al cinema come papà di una ragazza di 16 anni. E’ una bellissima commedia, dolce, sensibile che fa riflettere e commuovere, ambientata in un paesino dell’Emilia Romagna di cui io sono il sindaco. All’inizio sono un uomo che pensa solo alla politica e al lavoro, poi l’arrivo di una casa famiglia cambia le sue priorità”, spiega l’attore. Papà anche nella vita vera: “mio figlio vive a Bokogna, martedì compirà 11 anni ed è i mio grande amore”, racconta l’attore. “Ci sono degi amori che sono per sempre perchè, secondo me, esistono prima ancora di nascere. Forse mi sono fidanzato con a fidanzata che c’è sempre stata”, afferma l’attore spiegando di essersi fidanzato anche se l’identità della fortunata resta top secret.



© RIPRODUZIONE RISERVATA