ROSITA CELENTANO FIGLIA DI ADRIANO/ E il compagno Angelo Vaira: “Mi ero rassegnata al vero amore” (Adrian)

- Emanuele Ambrosio

Rosita Celentano, la prima figlia di Adriano Celentano e Claudia Mori, torna in tv nel nuovo show del Molleggiato prossimamente in onda su Canale 5

Rosita Celentano
Rosita Celentano (Foto Instagram)

Rosita Celentano è la prima figlia di Adriano Celentano e Claudia Mori. A pochi giorni dalla messa in onda di “Adrian“, la graphic novel che segna il ritorno in tv del papà, la conduttrice radio – televisiva sta vivendo un periodo di grande serenità sia dal punto di vista professionale che privato. Nata e cresciuta in una famiglia dove la musica ha sempre scandito il ritmo della vita, Rosita è una grandissima appassionata di musica come ha raccontato durante una delle ultime interviste rilasciate a Vanity Fair: ” Da piccole, invece, io e mia sorella Rosalinda dormivamo in un letto a castello e prima di addormentarci giocavamo al jukebox, vinceva la prima che indovinava il titolo. Musica e natura sono due cose immense, fanno parte di noi. Se esci fuori dal loro ritmo, perdi tutto”. Non solo, la conduttrice ha dichiarato di cambiare sempre la suoneria al cellulare e alla sveglia!

Rosita Celentano: l’amore con Angelo Vaira

Alla soglia dei 50 anni Rosita Celentano, dopo un lunghissimo periodo da single, ha trovato l’amore. Si tratta di Angelo Vaira, agevolatore della relazione col cane, scrittore, conferenziere, formatore e conduttore televisivo, con cui condivide la grandissima passione per i cani. A Vanity Fair la conduttrice ha raccontato: “Una sorpresa grandissima. Mi ero rassegnata al fatto che l’uomo che ritenevo giusto per me non esistesse, oppure che vivesse dall’altra parte del mondo, o ancora che non mi volesse. Nella mia testa, però, ero serenissima, non sentivo la pressione. Avevo i miei cani, che per me sono come figli, stavo bene. Poi è arrivato lui”.  Rosita ha sempre avuto le idee chiare, sia in amore che sul lavoro, e per quanto concerne l’amore ha detto: “Credo nella legge dell’attrazione, credo che quando desideri fortemente qualcosa, alla fine la ottieni”.

La diatriba con Sara Varone

“Il fatto non sussiste”. Con queste parole i giudici della Cassazione a nove anni di distanza dalla sentenza d’appello assolvono Rosita Celentano circa la condanna per diffamazione ricevuta da Sara Varone. Circa dieci anni fa la conduttrice televisiva nel salotto di Domenica Live, parlando di Matteo Guerra e delle sue love story, ci era andata giù pesante etichettando come “sciaquette” e “sgallettate” tutte le ragazze che avevano avuto un flirt con il latin lover. Tra queste anche Sara Tommasi, presente in tv, e per forza di cose anche Sara Varone che decisi di intervenire telefonicamente per avere delle scuse dalla Celentano. Scuse mai arrivate, visto che Rosita fu irremovibile. A giugno del 2015 la primogenita di Adriano Celentano viene condannata per diffamazione dalla Varone, ma lo scorso dicembre la Cassazione ha ribaltato la sentenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA