Claudio Baglioni/ “Cresciuto insieme alle mie canzoni: ci siamo cambiati a vicenda”

- Emanuele Ambrosio

Claudio Baglioni tra i protagonisti della nuova puntata di “Techetechetè” che oggi, giovedì 27 agosto 2020, è dedicata al mare

claudio baglioni 2019 tv 640x300
Claudio Baglioni

Claudio Baglioni è tra i protagonisti della puntata speciale di Techetechetè in onda oggi, giovedì 27 agosto 2020 su Raiuno. Il programma di video-frammenti, diventato oramai un appuntamento imperdibile per milioni di italiani, questa sera è pronto a celebrare il mare con la puntata dal titolo “Stessa spiaggia stesso mare”. Spazio quindi a filmati d’epoca con canzoni che sono state le colonne sonore delle estati italiane: da “Mare mare” di Luca Carboni a “Il mare di inverno” di Loredana Bertè. Senza dimenticare poi il grandissimo Claudio Baglioni che con le sue canzoni ha fatto sognare ed innamorare milioni di persone e diverse generazioni. Non si contano, infatti, le canzoni di successi del cantautore romano che da “Amore bello” a “Mille giorni di te e di me”, da “Tu come stai” a “Questo piccolo grande amore” ha fatto della stagione estiva e del mare uno dei suoi punti forza. Del resto lo stesso Baglioni, intervistato da Il corriere della Romagna, ha dichiarato: “le mie canzoni e io siamo cresciuti insieme, cambiandoci reciprocamente. Sono cambiati i temi, i testi, le melodie, la struttura armonica dei pezzi, le sonorità, i musicisti: una crescita e un’evoluzione continua”.

Claudio Baglioni: “l’autenticità è l’unico elisir di lunga vita”

Claudio Baglioni ha da poco festeggiato 50 anni di carriera e per l’occasione è tornato live con un lungo tour in cui ha riproposto le sue canzoni di successo in una versione rivisitata. Una scelta che ha sortito un grandissimo successo e che il cantautore ha raccontato così in un’intervista concessa al Il corriere della Romagna: “il modo migliore per raccontare tutto questo era quello di seguirne lo sviluppo. Del resto, “Strada facendo”, “E tu come stai?”, “La vita è adesso”, “Le ragazze dell’Est” o “Mille giorni di te e di me” non sarebbero mai state le stesse senza le canzoni che le hanno precedute. E nessuna di loro e delle altre sarebbe mai esistita senza “Questo piccolo grande amore”. La strada della vita non è la somma, è la fusione dei nostri passi. I miei passi sono le canzoni. Senza di loro, non sarei qui, e certo non sarei la persona che sono”. Non solo, Baglioni parlando di segreti o formule per avere una carriera così lunga e importante ha detto: “non credo che ci sia una formula. Sarebbe troppo facile. Tutti l’adotterebbero e tutti avrebbero successo. Quello che ho fatto, è stato cercare di rimanere me stesso. E, per farlo, non ho mai smesso di cambiare. Cambiare senza fingere, senza barare, senza bluffare, però. In questo mestiere, la falsità, prima o poi, si paga. L’unica moneta che non va mai fuori corso è l’autenticità. È lei l’unico vero “elisir di lunga vita”. Infine parlando di canzoni per Baglioni sono tutte come dei figli: “alcune hanno avuto meno fortuna di altre. Forse perché non così immediate o forse perché arrivate nel momento sbagliato. E sono canzoni per le quali nutro un affetto particolare. Un po’ come capita con quei figli che hanno meno talenti o meno fortuna di altri. Chissà? Forse un giorno le raccoglierò tutte in un album, per dare loro una seconda opportunità. Magari la prima volta sono state un po’ troppo timide. Forse col tempo sono maturate. O forse siamo maturati noi e siamo finalmente pronti a riascoltarle”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA