Coma_Cose, Radius e Mamakass, duetto Sanremo 2021/ Il mio canto libero, web critica..

- Rossella Pastore

Coma_Cose scelgono Alberto Radius e Mamakass per il loro duetto sulle note de Il mio canto libero al Festival di Sanremo 2021.

I Coma_Cose sul palco dell’Ariston
I Coma_Cose sul palco della prima serata di Sanremo 2021

I Coma_Cose tornano sul palco dell’Ariston e lo fanno con una cover che porta un bel peso: Il mio canto libero di Lucio Battisti. L’esibizione presenta qualche pecca che, effettivamente, viene sottolineata anche dal pubblico a casa. Su Twitter non mancano infatti le critiche: “Pensavo che stonare più di Colapesce e Dimartino fosse impossibile e invece grandi Coma_Cose”, scrive un telespettatore. E ancora: “i Coma_Cose che cantano Lucio sono un grandissimo sì pur avendo steccato ma essendo super sottovalutati nessuno se li filerà”; “Secondo me Battisti uno di quegli artisti intoccabili, di quelli che lo puoi cantare ma solo se sei bravo e intonatissimo e non stecchi tipo mai altrimenti lascia perdere”, sottolinea invece un altro utente. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Coma_Cose, Radius e Mamakass a Sanremo 2021

È Il mio canto libero di Lucio Battisti il brano scelto dai Coma_Cose – duo composto da Fausto Lama e California – per la serata delle cover di Sanremo 2021. Lama e California, al secolo Fausto Zanardelli e Francesca Mesiano, duetteranno con Alberto Radius e Mamakass, rispettivamente il chitarrista storico di Battisti e due giovani produttori discografici (Fabio Dale’ e Carlo Frigerio) con cui hanno già collaborato in passato. Per i Coma_Cose, essere riusciti a coinvolgere Radius è stata una vera e propria conquista. Ricordiamo quest’ultimo come il musicista capelluto dei Formula 3, non nuovo a esibirsi su palcoscenici importanti, con alle spalle ben 62 anni di carriera festeggiati quest’anno. I Mamakass, invece, sono di gran lunga più giovani (ma non più dinamici), e daranno certamente alla loro cover un tocco di novità con magari qualche nota di elettropop. In quest’ultimo caso, la scelta è avvenuta quasi spontaneamente: Dale’ e Frigerio, infatti, hanno accompagnato i Coma_Cose in concerto suonando basso, chitarra e tastiera nonché, tra il 2018 e il 2020, assumendo la stessa direzione musicale dei loro tour. Degna di nota anche la loro comparsa nell’album Microchip internazionale dei Subsonica, di cui hanno prodotto uno dei brani – Aurora sogna – cantato tra l’altro insieme ai Coma_Cose. Nel caso di Sanremo, è già stato annunciato che li vedremo dietro ai sintetizzatori.

Il percorso dei Coma_Cose dagli esordi a Sanremo

In un’intervista pubblicata il 2 marzo su Qds, i Coma_Cose hanno parlato a lungo della loro carriera iniziata su Youtube senza troppe aspettative. Era il 2017 quando usciva il loro primo singolo Cannibalismo, destinato a ottenere 90mila visualizzazioni senza alcun tipo di aiutino da parte delle major. Da lì in poi, è stato un crescendo di successi che li ha portati, nel 2021, a esibirsi sul palco più prestigioso della musica italiana. A Sanremo, il loro brano Fiamme negli occhi è già tra i favoriti della critica, e non è escluso che ottenga un buon posizionamento anche nella classifica finale. Spetta solo a loro convincere chi ancora non li conosce di meritarselo.

Alberto Radiuss e Mamakass omaggiano Battisti con i Coma_Cose

Forse è proprio per accaparrarsi le simpatie di un pubblico diverso dal solito, che i Coma_Cose hanno deciso di portare a Sanremo una cover di Lucio Battisti. La verità, però, è che i due sono molto legati all’artista anche semplicemente sotto l’aspetto musicale. “Lucio Battisti, come ti dicevo prima, è un autore che abbiamo ascoltato molto e proporre Il mio canto libero è il frutto finale di un percorso di affiliazione”, si legge nell’intervista. “Sin dal giorno zero Battisti è stato il fil rouge nella nostra scrittura modo di scrivere, frutto della ricerca di Mogol”. Per entrambi, esibirsi con lui rappresenta un grande onore: “Radius è ancora una persona molto dedita alla musica e in lui c’è ancora un grande ‘fuoco’. Si tratta di un grande professionista e speriamo che l’emozione della serata non comprometta il risultato. Con noi ci saranno anche Mamakass, i nostri produttori”. E noi gli auguriamo di rendere il giusto omaggio ai loro ospiti e soprattutto a Battisti, uno dei più grandi esponenti della musica italiana di sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA