Concorso Rai: bando per 80 giovani tecnici di produzione/ Info e requisiti richiesti

- Davide Giancristofaro Alberti

Concorso in Rai: sul sito web della tv pubblica è stato pubblicato un bando per la ricerca di 80 tecnici di produzione. Due gli esami per accedere alla graduatoria finale

concorso giornalisti rai
Immagine di repertorio - Lapresse

E’ stato pubblicato un nuovo bando di un concorso per selezionare 80 tecnici di produzione in Rai, con un contratto di apprendistato professionalizzante. Il bando è stato pubblicato sulla pagina web della stessa televisione pubblica, e mira ad individuare 80 diverse figure che si occuperanno di assistenza di produzione, manutenzione, installazione e realizzazione delle apparecchiature elettroniche. Per presentare la domanda si potrà fare tutto online accedendo all’apposita area denominata “Selezione tecnici di produzione 2020”, e le iscrizioni dovranno essere effettuate entro e non oltre il prossimo 19 giugno prossimo, quindi, nel giro di due settimane. La domanda dovrà prevedere tre allegati, leggasi il curriculum in formato europeo, il diploma di maturità ed eventuali altri titoli conseguiti, che ovviamente daranno un “quid” in più al candidato. I posti sono distribuiti in diverse regioni d’Italia, a cominciare da 35 nel Lazio, 14 in Lombardia, quindi quattro in Basilica, tre in Campania, e via-via tutti gli altri in altre zone.

CONCORSO RAI, SERVIRA’ ANCHE UN PC PER LAVORARE DA REMOTO

I requisiti per candidarsi sono un diploma di istruzione seconda di secondo grado in ambito tecnico e industriale, nonché il possesso di una patente di tipo B, e un’età che sia compresa fra i 18 e i 29 anni, quindi un concorso rivolto esclusivamente ai giovani. Nell’ambito di eventuali lavori in smart-working, da remoto, viene inoltre richiesto il possedimento di un personal computer, oltre che di una connessione internet e di una webcam. Una volta che il candidato verrà selezionato, questi dovrà sottoporsi ad un test a risposta multipla su argomenti che siano di cultura generale, oltre ad un test che servirà per verificare le conoscenze in ambito elettrico, elettrotecnico ed elettronico dello stesso selezionato. Se si supererà questo primo sbarramento, si dovrà sostenere un colloquio che servirà per verificare le conoscenze tecniche, ma anche le motivazioni e le aspettative dei candidati. I colloqui saranno svolti da remoto, e al termine degli stessi verranno stilare delle graduatorie. La comunicazione avverrà quasi esclusivamente via e-mail.

© RIPRODUZIONE RISERVATA