CONFERENZA STAMPA CTS/ Video: “Curva contagi rallenta ma nessun calo”

- Carmine Massimo Balsamo

Emergenza coronavirus, la conferenza stampa del Cts: "La decelerazione andrà confermata ma deve essere fortemente motivante".

conferenza stampa cts (Sky Tg 24)

Nella lunga conferenza stampa del Cts, Silvio Brusaferro ha speso alcune parole anche per i medici di medicina generale: «Il ruolo dei medici di medicina generale è cruciale, va portato al centro della gestione dei contagiati. In queste ore è pronto un documento che vuole essere una linea di indirizzo, ciò per dare indicazioni sia sul monitoraggio che sulle linee terapeutiche per evitare sovraccarico degli ospedali». Franco Locatelli si è poi soffermato sul Natale: «Non possiamo pensare che Natale faccia eccezione: l’auspicio è di arrivare a quel periodo con l’RT più basso possibile, ma non possiamo pensare di fare eccezioni in quel periodo con festeggiamenti cui eravamo abituati». Infine, segnaliamo le parole di Giovanni Rezza sull’esponenziale rialzo di infettati subito dopo l’estate: «C’è stato anche a livello europeo un grande aumento di casi Covid, ma credo che sia difficilmente attribuibile ai focolai estivi. Piuttosto la ripresa delle attività a settembre ha aumentato la circolazione del virus». (Aggiornamento di MB)

CONFERENZA STAMPA CTS: “DECELERAZIONE DELLA CURVA DI CONTAGI”

Indice Rt in calo, esattamente come le terapie intensive negli ultimi quattro giorni: così Franco Locatelli e Giovanni Rezza nel corso della conferenza stampa del Cts. Il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Rezza, ha evidenziato: «È stato registrato un decremento dell’RT, sceso questa settimana all’1,43. Indica una certa diminuzione della trasmissione». Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità ha spiegato: «Una iniziale ma chiara decelerazione della curva della trasmissibilità dell’infezione. Il dato dell’RT è evidentemente una sorta di indicatore di questo tipo di variazione della curva e della decelerazione. Ieri è stato il quarto giorno di fila in cui si osservava un calo nelle terapie intensive, ciò indica che il sistema messo a punto funziona». E la strada sembra essere quella giusta, ha precisato Locatelli: «La decelerazione andrà confermata ma deve essere fortemente motivante di andare nella direzione di fare flettere la curva».

CONFERENZA STAMPA CTS, BRUSAFERRO: “NON C’É ANCORA CALO”

Bisogna fare flettere la curva epidemica: questo è il messaggio degli esperti nel corso della conferenza stampa del Cts. Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha tenuto a precisare che la scorsa settimana si parlava di un «rallentamento della curva», mentre questa settimana «c’è una lieve remissione dell’RT», che però non si traduce «in un calo della curva, considerando che il numero dei casi è ancora significativo». Non si può allentare la tensione, il monito del numero uno Iss. Sempre nel corso della conferenza stampa del Cts, gli esperti hanno rimarcato: «Tutte le regioni sono a rischio alto, da qui l’appello per mantenere o rafforzare le misure messe in atto, perché è importante ridurre il numero di nuovi casi e la trasmissione».







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Sanità, salute e benessere

Ultime notizie