COVID, INSEGNANTI 4 VOLTE PIÙ A RISCHIO/ Lo studio che ribalta certezze senza numeri

- Silvia Polvere

Lo conferma uno studio del sindacato inglese Nasuwt

fondazione agnelli
(LaPresse)

Gli insegnanti sono una delle categorie professionali più a rischio di contagio Covid. Lo affermano i dati raccolti dal sindacato inglese Nasuwt pubblicati dal Times Educational Supplement. Un rischio non da poco, oltretutto: secondo lo studio in questione i docenti rischiano di essere contagiati dal coronavirus fino a 4 volte di più rispetto alla media delle altre categorie professionali.

Il sindacato inglese lancia un segnale di allarme di fronte a una situazione che si fa sempre più preoccupante per scuotere dall’indifferenza generale. “Gli insegnanti non mi sembrano una delle categorie più a rischio” ha detto solo ieri sera la virologa Ilaria Capua ai microfoni di DiMartedì. L’affermazione suona perfettamente in linea con quanto affermato dal Governo inglese, che ha minimizzato: “l’insegnamento non comporta più rischi di altre professioni”.

GLI INSEGNANTI 4 VOLTE PIÙ A RISCHIO COVID: ALCUNI NUMERI

I dati raccolti da Nasuwt, il sindacato degli insegnanti più importante della Gran Bretagna potrebbero ribaltare l’opinione corrente e le affermazioni dei politici. Anche nel nostro paese, dove il dibattito sulla scuola è al centro dell’attenzione. Tra le questione più dibattute al momento è relativa ai vaccini: anche gli insegnanti rientrerebbero nelle categorie a rischio da vaccinare? È possibile che i dati raccolti dal sindacato inglese gettino nuova luce sul dibattito. A Leeds, Regno Unito, il tasso di contagio per il personale della scuola secondaria era più di quattro volte quello della popolazione generale, o più precisamente il 333% più alto. Un trend simile a quello registrato a Birmingham, dove la percentuale di infetti nel personale scolastico era più di tre volte superiore alla media locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA