STUDENTE SI BUTTA DALLA FINESTRA/ Blue Whale o no, è il terrore di non meritare la vita

- Federico Pichetto

Stupisce e preoccupa il gesto compiuto da un adolescente a Ventimiglia lanciatosi nel vuoto dalla finestra della propria scuola. Si teme un caso di Blue Whale. FEDERICO PICHETTO

scuola_esame_maturita_4_lapresse_2016
Scuola (LaPresse)

Stupisce e preoccupa il gesto compiuto da un adolescente a Ventimiglia lanciatosi nel vuoto dalla finestra della propria scuola e in delicate condizioni cliniche dopo un volo di circa sei metri. Gli inquirenti hanno dapprima fatto intendere che l’atto potesse essere in qualche modo collegato al fenomeno del Blue Whale, il meccanismo perverso della “Balena Blu” che, in un’escalation drammatica, condurrebbe molti giovani al suicidio. Singolare la richiesta fatta dal ragazzo ad un suo compagno di classe, ossia di essere ripreso nel folle lancio per avere un momento di gloria. 

Difficile dire che cosa ci sia di vero nella cronaca di una vicenda così controversa. Nelle ultime ore pare che l’episodio possa addirittura ricollegarsi ad una sanzione disciplinare in discussione all’interno dell’Istituto per una condotta aggressiva tenuta dallo studente nei primi giorni di scuola. A prescindere dai dettagli che caratterizzano la notizia, quello che forse è utile tener presente è il senso enorme — a volte disperato — di vuoto che abita molti dei teenagers. Un vuoto che è domanda di attenzione, di “essere di qualcuno”, di appartenenza. 

Si può infatti vivere senza sapere chi siamo, ma non si può vivere senza sapere di chi siamo. Se l’esistenza non ha una casa, la sicurezza di un bene, tutto diventa occasione per affermare che esisto, che ci sono, per chiedere ed implorare al mondo intero di guardarmi e di volermi bene. Al fondo di tutto si staglia il grande terrore che attraversa l’anima di tanti millennials: il terrore di non meritare di vivere, di essere inadeguati alla vita, e quindi non amabili da nessuno. Ogni sconfitta, ogni “no”, ogni resa dei conti è allora vista come la conferma di quest’ipotesi, come se fosse proprio vero che la mia vita non ha valore, non ha un perché. Che cosa ci sto a fare al mondo? Come si fa a vivere? Sono le domande di tutti, interrogativi che rischiano di essere inghiottiti dall’ombra tremenda di una Balena azzurra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori