Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Spagna, Rajoy rifiuta di incontrare Puigdemont (22 dicembre 2017)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: scontro su Gerusalemme nel consiglio Onu. Matteo Renzi difende Maria Elena Boschi. Le ambulanze della morte. Papa Paolo VI Santo. (22 dicembre 2017).

gerusalemme_israele_1_lapresse
Gerusalemme (Lapresse)

ELEZIONI CATALOGNA, IL NO DI RAJOY A PUIGDEMONT

Mariano Rajoy ha respinto al mittente la richiesta del leader indipendentista catalano Puigdemont di un incontro al di fuori della Spagna. Nonostante il risultato elettorale favorevole alla coalizione di partiti indipendentisti, la situazione rimane tesa e senza apparenti sbocchi. Il premier spagnolo ha infatti detto di voler incontrare la capolista di Ciudadanos, il partito di tendenza unionista che ha ottenuto il maggior numero di voti “per ricomporre la frattura creatasi in questi mesi”. Dunque nessuna concessione all’indipendenza, continua il braccio di ferro (Agg. Paolo Vites)

FERRERO ALLA CONQUISTA DEL MERCATO USA

Ferrero vicina a un nuovo grosso passo in avanti nella sua conquista del mercato mondiale della cioccolata, Secondo il New York Post infatti l’azienda starebbe per comprare alcuni marchi della Nestlé, tra i quali Crunch e Butterfinger, il che farebbe della Ferrero il terzo maggior produttore di dolciumi negli Usa dopo Hersjey e Mars. E’ in corso un’asta per l’acquisto dei marchi e Ferrero sembra decisamente favorito. La casa italiana negli Usa possiede già le caramelle Ferrara, conosciuta per le gommose Trolli, le Brach’s che spopolano ad Halloween e le caramelle alla frutta Black Forest Organic (Agg. Paolo Vites)

NAPOLI, ESPLOSIONE DI UN ORDIGNO, UN MORTO

Un morto questa notte a Napoli a seguito dell’esplosione di un ordigno in via Ferrante Imaparato a Ponticelli. Si sarebbe trattata di una bomba carta esplosa verso le 3 e 30 del mattino che ha danneggiato un palazzo ma non si è resa necessaria l’evacuazione. Poco distante una donna in stato di shock. Al momento non è chiara la dinamica del fatto: se cioè le due persone siano state sorprese per caso dall’esplosione che doveva magari essere un gesto intimidatorio, se invece fossero le vittime destinate o infine se si tratti degli stessi attentatori rimasti coinvolti dall’esplosione. Allerta massimo nel quartiere (Agg. Paolo Vites)

SCONTRO SU GERUSALEMME NEL CONSIGLIO ONU

Duro intervento dell’America presso il consiglio delle nazioni unite, consiglio convocato allo scopo di censurare la decisione di Donald Trump di spostare l’ambasciata a stelle e strisce a Gerusalemme, riconoscendo cosi implicitamente come la città santa appartenga esclusivamente ad Israele. Di fatto all’interno del consiglio si è evidenziata una spaccatura tra il paese di Trump da una parte e il mondo delle altre grandi potenze dall’altro. In tale contesto pesantissimo intervento dell’ambasciatrice USA, che parlando al consiglio ha dichiarato che gli Stati Uniti D’America ricorderanno come il consiglio voterà quest’oggi e che nel futuro agiranno di conseguenza. La votazione ha manifestato che solo nove stati hanno votato con gli USA, tra di essi Israele.

MATTEO RENZI DIFENDE LA BOSCHI

Dopo la difesa appassionata di Paolo Gentiloni adesso tocca a Matteo Renzi difendere dalle critiche il sottosegretario alla presidenza Maria Elena Boschi. Per l’ex presidente del consiglio il suo ex Ministro non fece nulla di disdicevole informandosi sulla situazione in cui versava Banca Etruria, una banca che nel territorio della donna rappresentava un volano produttivo non indifferente. Renzi è sicuro che il comportamento del suo ministro fu all’epoca dei fatti corretto, e improntato a quella conoscenza che deve essere propria di ogni politico che abbia a cuore il suo territorio, un territorio che presto sarà chiamato a ridare, se lo vorrà, la sua fiducia elettorale al candidato Boschi, stante l’intenzione del premier di schierare nuovamente il sottosegretario nelle prossime liste del PD.

LE AMBULANZE DELLA MORTE

Oltre cinquanta casi di decessi sospetti, questo è quello che emergerebbe da un servizio delle Iene che hanno portato l’attenzione degli investigatori sui servizi di ambulanza effettuati a Catania. E oggi in merito all’inchiesta un uomo è finito in carcere, si tratta di un barelliere accusato nello specifico di tre omicidi avvenuti tra il 2012 e oggi. L’uomo Davide Garofalo di 42 anni, è un barelliere e a quanto emergerebbe dalle indiscrezioni, iniettava aria in vena ai malati terminali allo scopo di farli morire per embolia, lo scopo era di affidare le loro salme ad un agenzia funebre amica che a sua volta avrebbe “ricompensato” l’omicidio con un regalino di 300 euro. I casi attenzionati dai carabinieri sono una cinquantina e vedrebbero coinvolti almeno altri due operatori sanitari. I carabinieri hanno sottolineato che sia i vertici dell’azienda sanitaria che gli equipaggi delle ambulanza non facevano parte dell’organizzazione, e che i barellieri erano riconducibili ai boss locali di “cosa nostra”.

PAPA PAOLO VI PRESTO SANTO

Sarà Santificato in tempi brevi Papa Paolo VI al secolo Antonio Maria Montini, un pontefice scomparso nel 1978 a Roma, che ha segnato l’adolescenza di molti italiani. L’apposita commissione istituita dopo la beatificazione ha individuato infatti quello che sembra un vero e proprio miracolo, miracolo che ha visto la guarigione di una piccola bambina sopravvissuta per intercessione del pontefice nonostante la sua nascita da immatura e con gravi problemi congeniti dovuti alla rottura della placenta della madre. Il Pontefice potrebbe ricevere la santificazione già nel prossimo anno, probabilmente ad ottobre a quattro anni esatti dalla beatificazione.

COPPA ITALIA, QUARTI NELLE CVANCZE NATALIZIE

Si giocano a partire dal 26 dicembre i quarti di Coppa Italia con la Lazio che ospita la Fiorentina all’Olimpico. Il giorno successivo derby milanese a San Siro, poi gli altri due incontri il 2 e 3 gennaio 2018 con il derby torinese tra bianconeri e granata e la sfida tra la formazione di Sarri e quella di Gasperini. Un programma davvero ricco ed entusiasmante.

SI TORNA A PARLARE DI CALCIOMERCATO ANCHE IN ITALIA

Gennaio si avvicina e si inizia a parlare della sessione invernale di mercato, con quasi tutte le grandi che potrebbero essere protagoniste. Il Napoli ha già fermato Ciciretti, del Benevento, con un contratto da 5 anni. Resta solo da decidere quando avverrà il passaggio, se a gennaio oppure a fine stagione, mentre sempre in casa Napoli, Inglese, già acquistato dal Chievo in estate, dovrebbe arrivare proprio a gennaio. Altre voci riguardano la possibilità di un trasferimento di Rugani all’Arsenal, la possibile partenza di Bonucci, l’interessamento della Juventus per Emre Can del Liverpool ed uno scambio tra Inter a PSG con il portoghese Joao Mario a Parigi e Pastore a Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori