ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: Serie A, Inter a -2 dal terzo posto. Napoli in campo (31 marzo)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie dii oggi, ultim’ora: teatro, morto a 87 anni Luigi De Filippo. Serie A, i risultati: Inter vince e va a meno 2 dal terzo posto. Si ferma la Roma (31 marzo 2018)

mauro_icardi_2_inter_lapresse_2017
Classifica Marcatori Serie A - LaPresse

SERIE A, 30^ GIORNATA: VINCE L’INTER, SI FERMA LA ROMA

La 30esima giornata di Serie A fa segnare l’avanzata dell’Inter e lo stop della Roma. Sono queste, insieme al successo più sudato del previsto della Lazio sul Benevento, le due notizie più importanti in attesa che il Napoli, in campo da pochi minuti a Sassuolo, e la Juventus nel big match contro il Milan, dicano la loro nella corsa Scudetto. I nerazzurri ora a meno 2 dal terzo posto, vengono trascinati dal solito Icardi e spazzano via l’Hellas Verona con il risultato di 3 a 0. Si ferma invece abbastanza inaspettatamente la Roma, che non va oltre l’1-1 sul campo del Bologna dopo aver perso per infortunio al quarto d’ora Radja Nainggolan. Gli altri risultati: Genoa-Spal finisce 1-1, coi rossoblu che sprecano il vantaggio di un gol nonostante la superiorità numerica, il Toro ne dà 4 al Cagliari, mentre Fiorentina e Atalanta vincono 2-0 su Crotone e Udinese. (agg. di Dario D’Angelo)

DILIBERTO, “SALVAI LA SCRIVANIA DI TOGLIATTI”

L’intervista data da Oliviero Diliberto, già Ministro della Giustizia nel governo D’Alema, a Il Corriere della Sera, è destinata a far discutere. Il credo politico di Diliberto è noto: il comunismo come stella polare, e com’è facile intuire, dopo il recente crollo della sinistra tutta nelle urne, non è un momento semplice. Sull’attualità, Diliberto dice:”La mia generazione ha fallito. Il suo unico dovere morale è scomparire. Renzi? Dovrebbe scomparire. Non lo farà”. Ma tra una risposta e l’altra, Diliberto conferma anche un aneddoto a dir poco mitologico: è vero, salvò la scrivania che fu di Palmiro Togliatti, guida storica del PCI:”L’avevo tirata fuori dagli scantinati. Marcello Pera, ministro in pectore, dichiarò che al suo arrivo l’avrebbe fatta bruciare. Allora chiesi a un funzionario di assegnarla a un ignaro magistrato britannico di collegamento che lavorava in via Arenula. Quando fu nominata ministro, Paola Severino mi telefonò per sapere dove fosse finita e io fui ben lieto di fargliela ritrovare”. (agg. di Dario D’Angelo)

TEATRO, MORTO LUIGI DE FILIPPO

Grave perdita per il mondo del teatro italiano: è morto all’età di 87 anni Luigi De Filippo, ultimo della storica dinastia di attori napoletani. Come riportato da Il Messaggero, a dare la notizia della sua morte sono state fonti vicine alla famiglia dell’attore. Luigi De Filippo, figlio di Peppino, era nato a Napoli il 10 agosto del 1930. Fino al mese di gennaio aveva calcato i palcoscenici nonostante fosse da tempo malato. In particolare era andato in scena con l’iconico “Natale in casa Cupiello”, al Teatro Parioli di Roma di cui era direttore artistico. Adesso per Luigi De Filippo cala definitivamente il sipario. 

BERLUSCONI ACCORDO COL “NEMICO” MURDOCH, CHE SUCCEDE?

Storico accordo siglato nelle scorse ore fra Mediaset Premium e Sky Italia. A brevissimo (la data ufficiale dovrebbe essere il primo giugno), alcuni canali della nota pay tv del digitale terrestre, saranno visibili dai clienti Sky, e a sua volta, la televisione satellitare sbarcherà su quella del biscione, con parte della sua offerta, anche sportiva. Si tratta di un accordo storico anche perché le due pay tv italiane non si sono mai amate, ed anzi, Berlusconi e Murdoch si sono sempre fatti la guerra. Ma cosa c’è dietro questa intesa? La volontà di arrivare a costituire un unico grande polo televisivo pay, probabilmente già entro la fine di questo anno. Mediaset Premium sembra via-via in ritiro, anche dopo la decisione di non rinnovare la Champions League in esclusiva, e diverrà di fatto una sorta di succursale di Sky. «Mediaset Premium – si legge in una nota diffusa – potrebbe valutare l’opportunità di ampliare il perimetro della partnership con Sky Italia all’area operation pay», che è quell’area riguardante la manutenzione tecnica, l’accesso condizionato, l’assistenza ai clienti, le attività commerciali e altre attività analoghe, per ulteriori benefici economici. Inoltre, si legge sempre nella stessa nota, la televisione di Cologno Monzese ha «Ottenuto da Sky Italia il diritto di opzione senza obblighi di esercizio a cedere all’operatore satellitare, fra novembre e dicembre 2018, l’intera partecipazione in una newco nella quale sarà previamente conferito da Premium il ramo d’azienda costituito dalla sua piattaforma tecnologica». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CONTINUA LO SCONTRO A DISTANZA TRA LEGA NORD E MOVIMENTO 5 STELLE

Con l’avvicinarsi dell’avvio delle consultazioni si alzano i toni tra i vincitori delle elezioni. Il partito di Beppe Grillo continua ad affermare che l’unico Presidente del Consiglio possibile sia Luigi Di Maio, il politico campano in una lunga intervista ha sottolineato che il suo nome è stato scelto da 11 milioni di Italiani, per questo deve essere lui ad essere incaricato dal Presidente della Repubblica a formare il nuovo esecutivo. Da parte sua Matteo Salvini leader della Lega Nord contesta tale modo di rapportarsi con quelli che dovrebbero essere gli alleati del movimento in Parlamento. Apre al Reddito di cittadinanza ma solo a termine, però nessuna altra concessione, si parte dal programma di centrodestra. Nella disputa interviene quest’oggi anche Silvio Berlusconi, il quale vede all’orizzonte una legislatura molto complessa sia per la sua nascita sia per la continuazione.

VIOLENTI SCONTRI A GAZA

Una violentissima battaglia che ha portato a 12 morti e circa 200 feriti, alcuni dei quali in gravissime condizioni di salute. Questo è stato l’epilogo di una manifestazione denominata “La grande marcia del ritorno” convocata da Hamas al confine tra il sud della striscia di Gaza e lo Stato di Israele. Gli scontri sono avvenuti quando i manifestanti si sono avvicinati troppo alla barriera di sicurezza, l’esercito israeliano in quel momento ha aperto il fuoco sia con armi da guerra che con dissuasori che sparavano proiettili di gomma, i manifestanti denunciano che in tale contesto sono stati sparati anche colpi di artiglieria pesante. Da parte loro fonti dell’esercito israeliano, affermano che gli scontri sono iniziati quando alcuni manifestanti si sono avvicinati con fare sospetto alla striscia di sicurezza. Tra i morti si conta anche una giovane manifestante di soli 16 anni.

DISPOSTO RISARCIMENTO DI TRE MILIONI DI EURO PER HASHI OMAR HASSAN

La Corte di Appello di Perugia ha disposto un risarcimento superiore ai tre milioni di euro nei confronti di un cittadino somalo accusato ingiustamente dell’uccisione di Ilaria Alpi. L’uomo che ha scontato 17 anni di reclusione è stato assolto durante la revisione del processo. Hassan arrestato grazie alla presunta confessione di un altro cittadino somalo, è stato scagionato dopo che la trasmissione Chi l’ha visto si è occupata del caso della giornalista Rai uccisa a Mogadiscio. Dopo l’assoluzione il legale di Hassan aveva presentato istanza per vedere riconosciuto al suo assistito l’indennità di ingiusta detenzione, i giudici hanno stabilito che tale indennità assomma a €500 giornaliere.

ROMA, CAMION BUCA LA ZONA DI SICUREZZA

Una zona creata appositamente per preservare la sicurezza dei fedeli che parteciperanno alle manifestazioni religiose del Venerdì Santo. Un camion però il cui autista disconosceva i divieti ha bucato la zona, innescando un allarme tra le forze dell’ordine. Il mezzo è stato fermato immediatamente da una gazzella dei Carabinieri arrivata a sirene spiegate, le spiegazioni dell’autista che ha detto di non saper nulla dei divieti hanno convinto i militari, che hanno riaccompagnato il mezzo pesante sul percorso consentito. Immediata la nota della Questura di Roma, con il primo dirigente che ha sottolineato che l’episodio è servito a testare la tenuta di quella denominata Green zone.

TORNA IN CAMPO LA SERIE A

Si torna in campo con la Serie A con la giornata che si giocherà tutta oggi visto che domani si festeggerà la Santa Pasqua. Si parte alle ore 12.30 dallo Stadio Dall’Ara dove si disputa un Bologna-Roma molto importante per la zona Champions League. Alle ore 15.00 possono rispondere invece Inter e Lazio che in casa affrontano Hellas Verona e Benevento in difficoltà in fondo alla classifica. Alle ore 18.00 il Napoli al Mapei Stadium se batte il Sassuolo torna in testa, superando la Juventus e mettendogli pressione in vista della gara delle 20.45 contro il Milan. Completano il turno: Atalanta-Udinese, Cagliari-Torino, Genoa-Spal, Fiorentina-Crotone e Chievo-Sampdoria.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori