Di Maio e Salvini come “I Bari” di Caravaggio/ Street art, terza opera: l’artista racconta anche il bacio pop

- Elisa Porcelluzzi

Per le vie di Roma è apparsa una nuova opera di street art: Luigi Di Maio e Matteo Salvini diventano “I bari” di Caravaggio e truffano Silvio Berlusconi.

murael_roma_bari_caravaggio_twitter_2018
L'opera in via dè Lucchesi a Roma

Lo street artist del bacio pop tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, si è confessato per RaiNews24. Il suo “Amor populi” ha catturato già numerosissime polemiche ed infatti quel gesto affettuoso e intimo che citava il famosissimo bacio del muro di Berlino- prontamente rimosso dai muri di Roma, è immediatamente finito al centro dell’attenzione di stampa e media. L’artista di strada Tv Boy, con la sua faccia moderatamente nascosta da una mascherina (anche se ne conosciamo nome e cognome, Salvatore Benintende), ha raccontato perché ha voluto importare nella street art due personaggi a prima vista poco pop: “L’arte al giorno d’oggi ha bisogno di parlare della contemporaneità. I quadri di Van Gogh ci raccontano cose successe nel suo tempo, anche io voglio lasciare un segno nel periodo storico che stiamo vivendo”. Conseguenze di tipo legale dopo quel murale nella Capitale? “Negli ultimi tempi tanti Comuni italiani mi stanno offrendo spazi istituzionali”, ha concluso. Staremo a vedere quale sarà la sua prossima opera dopo aver ritratto per ben due volte Di Maio-Salvini e anche Giorgia Meloni. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

L’opera di street art

L’opera di street art che vede Luigi Di Maio e Matteo Salvini truffare Silvio Berlusconi ne I bari di Caravaggio ha sicuramente fatto parlare molto. Dopo le elezioni dello scorso 4 marzo 2018 però era già successo di vedere alcune opere provocatorie sui muri delle nostre città. Quella che aveva fatto più discutere era un bacio proprio tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini che abbiamo visto sorgere al centro della capitale, precisamente in via del Collegio Capranica vicino Montecitorio. Non solo perché c’era stato anche un murales con Giorgia Meloni che tiene in braccio una bimba di colore, questo altro dipinto è comparso invece a via dei Pianellari sempre nella capitale e con lo stesso obiettivo di creare polemica. Sarà interessante capire anche quali saranno i commenti da parte dei diretti interessati dopo che le prime due opere di street art generassero davvero non poche chiacchiere da parte anche degli addetti ai lavori. (agg. di Matteo Fantozzi) 

I due “truffano” Silvio Berlusconi

Dopo i murales con il bacio tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio e Giorgia Meloni che tiene in braccio una bambina di colore realizzati dall’artista di strada Tvboy, per le vie di Roma è apparsa una nuova opera di street art. Su un muro di via dè Lucchesi a Roma, a due passi dal Quirinale, è “stato esposto” un vero e proprio quadro da museo, con tanto di cornice: i bari Di Maio e Salvini truffano Silvio Berlusconi.  L’artista che ha firmato l’opera, Sirante, ha realizzato la sua personale versione del celebre quadro “I bari” di Caravaggio (conservato nel Kimbell Art Museum di Fort Worth) del 1594: i tre uomini politici, in abiti d’epoca, sono ritratti mentre giocano a carte. Sirante ha rappresentato il leader della Lega e il capo del Movimento 5 stelle nei panni dei due bari che cercano di truffare un ingenuo giocatore, che in questa nuova versione dell’opera caravaggesca ha il volto di Silvio Berlusconi. Come in ogni museo, accanto al quadro è stato posto il cartellino con il titolo e la descrizione dell’opera: “Sirante prende spunto da una celebre opera del suo maestro”. 

Di Maio e Salvini diventano i bari di Caravaggio

Il quadro rappresenta una truffa. Un anziano ‘ingenuo’ sta giocando a carte con un suo oppositore il quale in complotto con un suo avversario trucca il gioco della politica. Questa scena, così teatrale, descrittiva e realistica contiene un monito morale, una condanna del malcostume, in particolare delle strategie dei politici”, si legge nella descrizione riportata accanto al quadro. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Comando piazza Venezia che hanno allertato l’Ufficio decoro del Comune per la rimozione, avvenuta poco dopo, effettuata dagli stessi militari che hanno staccato il quadro dal muro e lo hanno portato via. I carabinieri invieranno un’informativa in Procura. Anche se l’opera è già stata rimossa dal muro di Via dè Lucchesi, Sirante ha conquistato i social: “Un grandissimo artista, rimasto anonimo, ha riprodotto questa notte sui muri di Roma il famoso dipinto di Caravaggio (“I bari”) con le fisionomie di #Berlusconi, #Salvini e #DiMaio. Standing ovation per lui”, ha scritto un utente su Twitter. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori