ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora: Salvini non molla sul censimento dei Rom (20 giugno)

- Fabio Belli

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: Salvini non molla sul censimento dei Rom. Mondiali, Russia vicinissima ad essere la prima qualificata agli ottavi di finale (20 giugno 2018)

centinaio_salvini_giorgetti_consultazioni_lapresse_2018
Matteo Salvini, dietro di lui Giancarlo Giorgetti (LaPresse)

Nessuna marcia indietro di Matteo Salvini relativamente al censimento sui Rom che vorrebbe effettuare a breve. Il Ministro degli Interni in una intervista odierna sottolinea come è sua intenzione tutelare la “sicurezza degli italiani”, per questo la sua idea di censire i campi Rom sarà attuata prima possibile. Le affermazioni di Salvini non fanno altro che amplificare le polemiche politiche, nella questione interviene infatti il commissario europeo Pierre Moscovici che afferma che pur non volendo entrare nel merito l’idea di censire la popolazione con la discriminante razziale è “agghiacciante”. Sullo stesso tenore anche l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, che definisce “disumana” la proposta del vice premier.

Censiremo i raccomandati della RAI

In un periodo in cui la parola censimento evoca le leggi razziali il vicepremier Luigi di Maio popone un’altro censimento: quello dei raccomandati in RAI. Il capo politico del Movimento Cinque Stelle ne parla con Bruno Vespa, e su assist del giornalista afferma che ci sono anche altri censimenti da fare oltre a quello delle famiglie Rom, non ultimo quello dei raccomandati nella pubblica amministrazione. Gli strali del politico campano si appuntano sulla RAI, con Di Maio che afferma che nell’azienda televisiva pubblica deve essere ristabilito il principio della meritocrazia. Nella stessa intervista il grillino difende a spada tratta il sindaco di Roma Raggi dall’accusa di aver agevolato Lanzalone, per Di Maio il consulente adesso ai domiciliari era uno dei migliori e per questo era stato individuato per la guida dell’ACEA.

Merkel – Macron: servono risposte all’Italia da parte della UE

Un rafforzamento dell’agenzia Frontex e una maggiore “vicinanza” all’Italia sotto il profilo degli aiuti all’immigrazione clandestina. Questo è quanto emerge al termine di un bilaterale tra Francia e Germania, con i due leader dei rispettivi paesi che definiscono condivisibili le esigenze dell’Italia relativamente ai problemi portati dai flussi migratori. Macron inoltre parlando con i giornalisti evidenzia come l’Europa ha bisogno di solidarietà, fuori e dentro i confini, una solidarietà che non può essere imposta dalle norme legislative. Il bilaterale segue gli incontri tra il presidente del consiglio del Bel Paese, Conte, con il presidente francese e il cancelliere tedesco. Le affermazioni della Merkel e di Macron sono state commentate positivamente dal nostro presidente del consiglio, che ha sottolineato come la politica della fermezza imposta dal suo esecutivo inizia a dare i suoi frutti.

Approvato il Documento di economia e finanza

Il Parlamento ha dato il via libera al Documento di economia e finanza proposto dall’esecutivo di Giuseppe Conte. Il relatore del documento il grillino Federico d’Incà ha sottolineato come il governo si sia impegnato a disinnescare le clausole di salvaguardia, cosa questa che dovrebbe evitare l’aumento dell’IVA. Nella discussione in Parlamento il titolare del Tesoro, Giovanni Tria, afferma che la priorità maggiore è quello di evitare l’aggravio del deficit. Il vice premier Di Maio invece afferma che è intenzionato a domandare una maggiore flessibilità all’unione europea, una flessibilità che potrebbe servire per ampliare una finanziaria espansiva, sia sotto il profilo dell’occupazione che sotto quello degli sgravi fiscali alle famiglie.

Mondiali, Russia praticamente agli ottavi di finale

Il 3-1 all’Egitto permette alla Russia di essere la prima squadra a vincere due partite su due in questa edizione dei Mondiali di calcio. I padroni di casa, considerando il precedente 5-0 all’Arabia Saudita, sono praticamente già qualificati agli ottavi di finale. Nel pomeriggio, due sorprese: Colombia e Polonia sono cadute col medesimo punteggio, 1-2, contro Giappone e Senegal, che hanno preso la testa del girone H, l’ultimo ad aver disputato le gare della prima giornata della fase a gironi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori