Daniele Masella, chi è Boss in incognito 2023/ Capo umile del Biscottificio Casilino

- Fabio Belli

Daniele Masella, chi è il capo del Biscottificio Casilino che lavorerà al fianco dei suoi dipendenti nella puntata di stasera di Boss in Incognito 2023.

boss in incognito logo rai2 640x300 Boss in incognito su Rai 2

Daniele Masella, fondatore del Biscottificio Casalino di San Cesareo (Roma), ha vissuto una irripetibile esperienza nella quarta puntata di Boss in Incognito 2023, vestendo i panni del praticante Vittorio e scoprendo in prima persona la realtà dell’azienda che con sacrificio ha creato insieme alla sua famiglia. “È stata un’emozione unica ascoltare i racconti dei miei dipendenti, ho rivissuto la mia vita da giovane. A quei tempi avevo tanta voglia di avviare un’attività, ma le condizioni economiche non me lo permettevano. Ci sono riuscito soltanto facendo delle cambiali”, ha raccontato a Max Giusti.

È proprio perché sa cosa significa essere in difficoltà con il lavoro che, al termine della puntata, ha deciso di offrire un contratto a tempo indeterminato ai dipendenti che hanno condiviso con lui questa esperienza e si sono confidati nel profondo. Una grande soddisfazione per loro che finalmente potranno guardare al futuro con maggiore solidità e speranza. (agg. di Chiara Ferrara)ma

Daniele Masella si racconta a Boss in Incognito 2023

Daniele Masella è il protagonista della quarta puntata di Boss in Incognito 2023: il numero uno del Biscottificio Casalino si è raccontato a Max Giusti prima di trasformarsi e immergersi nella sua azienda per mettere alla prova i suoi dipendenti. “Io sono un imprenditore particolare, non ho mai studiato e ho iniziato a lavorare molto presto. Lavoro nel settore della pasticceria da diciotto anni, mi sono costruito da solo. Ho fatto tanti lavori, dal fruttivendolo al muratore, prima di scoprire la passione per la pasticceria”, ha rivelato all’inizio della trasmissione.

La sua azienda infatti è tra le eccellenze italiane nella produzione di biscotti, dolci e prodotti da forno. Le sue prelibatezze vengono esportate in diversi Paesi dell’Europa, ma anche all’estero. “Tutto è iniziato da un piccolo laboratorio da 70 mq, ma pian piano abbiamo visto che le cose andavano bene e abbiamo alla fine acquistato il capannone in cui lavorano ora moltissime persone”. (agg. di Chiara Ferrara)

Daniele Masella, chi è il boss del Biscottificio Casilino

Daniele Masella sarà il Boss in Incognito 2023 della puntata di stasera, lunedì 30 gennaio, del reality. L’imprenditore romano è l’artefice dei successi del Biscottificio Casilino dove Masella entrerà in azione senza farsi riconoscere e, come vuole la formula del programma, lavorando come un normale dipendente per osservare le dinamiche della sua azienda e magari imparare anche qualcosa che, dalla sua posizione di capo, spesso risulta “invisibile”, come spesso è successo nelle precedenti puntate del programma per gli altri Boss in Incognito 2023.

Il Biscottificio Casilino si trova a San Cesareo, in provincia di Roma, e oltre ad esserne il capo e amministratore Masella ne è stato anche il fondatore, quando si trattava di una piccola pasticceria che produceva artigianalmente biscotti, crostate, pizzette di sfoglia e torte e pasticcini che venivano acquistati dai residenti. Masella si è sempre detto orgoglioso di aver mantenuto una qualità e un’attenzione artigianale nella produzione anche ora che il Biscottificio Casilino lavora all’ingrosso.

Daniele Masella al lavoro tra i suoi dipendenti

Nella puntata di stasera di Boss in Incognito 2023, Daniele Masella sarà dunque il protagonista entrando da dipendente, ovviamente senza farsi riconoscere, nella sua azienda, il Biscottificio Casilino. Masella si metterà in gioco e lavorerà al fianco di Giacomo, addetto alla preparazione delle pizzette, di Tiziano per realizzare le rinomate rustichelle del Biscottificio, e ancora di Alessia e Daniele per realizzare farcitura e confezionamento degli occhi di bue e delle crostatine, i prodotti alla marmellata tra i più richiesti dell’azienda. Daniele Masella ha visto crescere il suo Biscottificio Casilino tanto che ora l’azienda dolciaria romana produce circa quattro tonnellate e mezza di prodotti in un anno, esportando crostatine, torte, biscotti e pizzette in tutta Europa in paesi come Spagna, Francia, Germania, in Gran Bretagna e addirittura in Australia.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Reality e Talent

Ultime notizie