Dembélé alla Juventus/ Calciomercato, accordo per giugno ma c’è l’ombra del Psg

- Claudio Franceschini

Ousmane Dembélé alla Juventus: calciomercato, secondo i media spagnoli i bianconeri avrebbero raggiunto l’accordo con il calciatore per l’arrivo a zero, ma il francese aspetterebbe il Psg.

diretta barcellona eintracht
Ousmane Dembélé (Foto LaPresse)

DEMBELE ALLA JUVENTUS: ACCORDO CON IL BARCELLONA

Notizia bomba di calciomercato: arriva dalla Spagna, secondo il quotidiano Sport ci sarebbe un accordo tra Ousmane Dembélé e la Juventus. Il procuratore del calciatore francese, Moussa Sissoko, avrebbe trovato la quadra con il club bianconero per il trasferimento al termine della stagione. Dembélé è in scadenza di contratto: negli ultimi giorni il Barcellona ha provato a percorrere la strada del rinnovo (se non altro per non perderlo senza incassare) ma i negoziati non sarebbero andati a buon fine, e così il calciatore sarebbe libero di firmare a parametro zero con la società preferita.

La quale società al momento non sarebbe la Juventus: infatti, i media spagnoli riportano che Dembélé non avrebbe intenzione di firmare subito visto che il suo obiettivo principale sarebbe il Psg. Dunque, il giocatore prende tempo sapendo di poterselo permettere; qualora poi il Paris Saint Germain non dovesse farsi avanti, a quel punto la Juventus sarebbe la grande favorita per accaparrarsi il cartellino di Dembélé, potendo ufficializzare l’accordo già nei prossimi mesi e non dovendo trattare con il Barcellona. Un’operazione che sarebbe chiaramente sorprendente, anche se la Juventus non ha mai davvero staccato gli occhi di dosso dal francese.

DEMBELE E I SUOI LIMITI

Dal punto di vista tecnico, la trattativa di calciomercato che può portare Ousmane Dembélé alla Juventus è interessante: stiamo parlando di un calciatore ancora giovane (24 anni) e di grande talento, ma che ha anche qualche limite. Il primo è quello degli infortuni, perché da quando è arrivato a Barcellona (estate 2017) ha saltato davvero tante partite (nel 2019-2020 ne ha giocate 9 in tutta la competizione, il primo anno sono state 23, a oggi in questa stagione sono 5) e dunque è poco affidabile avendo avuto problemi anche seri. Poi, Dembélé non è esattamente un fenomeno di continuità, e soprattutto ha avuto screzi dal punto di vista disciplinare: non è un caso che sia stato lui uno dei primi a finire nel calderone del rigidissimo codice imposto da Xavi.

Ritardi agli allenamenti, regole infrante e quant’altro: da questo punto di vista Dembélé andrebbe messo in riga e la Juventus può essere la società giusta per farlo. Come detto, il campione del mondo 2018 come talento è secondo a pochi; schiacciato dai 105 milioni (più bonus, che secondo molti ammontavano a 40 milioni) che il Barcellona ha versato al Borussia Dortmund, può avere risentito dell’enorme valutazione. Non è un alibi chiaramente, ma è per dire che se messo nelle condizioni di giocare ed esprimersi Dembélé può fare la differenza. Vedremo se arriverà davvero alla Juventus…





© RIPRODUZIONE RISERVATA