Diretta/ Inter Atalanta (risultato finale 2-2): Dimarco sbaglia dal dischetto!

- Fabio Belli

Diretta Inter Atalanta streaming video e tv del match valevole per la sesta giornata d’andata del campionato di Serie A.

Atalanta Inter
Pronostico Inter Atalanta: un precedente (Foto LaPresse)

DIRETTA INTER ATALANTA (RISULTATO FINALE 2-2): DIMARCO SBAGLIA DAL DISCHETTO!

Finale incandescente a San Siro: dopo il gol di Dzeko l’Inter inizia ad aumentare la pressione a caccia del definitivo ribaltone ed ha una grandissima opportunità al 40′, con la review al VAR che rileva un netto fallo di mano di Demiral che anticipa un tentativo di colpo di testa di Dzeko. Dal dischetto va Dimarco che sceglie la soluzione di potenza, trovando però una clamorosa traversa. L’Atalanta riprende fiato e al termine di un’azione manovrata, su un pallone affannosamente rimesso in gioco da Handanovic, trova il vantaggio con Piccoli. Esultanza annullata dal VAR: gli atalantini pensano a una posizione di fuorigioco di Ilicic nell’azione effettivamente passiva, ma le immagini mostrano come Handanovic avesse rinviato il pallone già fuori dal campo. 6′ di recupero ma si chiude con uno spettacolare 2-2 tra Inter e Atalanta. (agg. di Fabio Belli)

DIRETTA INTER ATALANTA STREAMING VIDEO E TV: COME SEGUIRE LA PARTITA

La diretta tv di Inter Atalanta sarà più correttamente una diretta streaming video sulla piattaforma DAZN, che da questa stagione detiene i diritti per trasmettere in esclusiva l’intero campionato di Serie A. Questa non è una delle partite che saranno visibili anche su Sky, di conseguenza il punto di riferimento sarà esclusivamente DAZN visibile tramite l’app su smart tv o pc o con l’ausilio di dispositivi mobili come tablet o smartphone.

PAREGGIA DZEKO!

Si comincia senza cambi e con l’Atalanta di nuovo protesa in avanti. Lo scatenato Malinovskyi chiama subito Handanovic alla deviazione in angolo, quindi al 6′ un potente mancino dell’ucraino sbatte sul palo, con doppietta solo sfiorata. L’Inter riesce però a cambiare passo e riprende il controllo del gioco offensivo, soprattutto dopo i cambi al 12′ con Dumfries, Dimarco e Vecino che prendono rispettivamente il posto di Darmian, Bastoni e Calhanoglu. Al 14′ grande risposta di Musso su un colpo di testa di Vecino, poi il portiere argentino dice no a Barella e Lautaro Martinez da due passi non riesce a depositare in rete il gol del pareggio. Gasperini opera i cambi richiamando Malinovksyi e inserendo Ilicic, ma al 26′ l’Inter trova il pari: Barella sfonda alla grande e dopo una corta respinta di Musso per Dzeko è un gioco da ragazzi spingere in rete il pallone del 2-2. (agg. di Fabio Belli)

MALINOVSKYI-TOLOI, E’ RIBALTONE!

Cresce l’Atalanta nella seconda metà del primo tempo e i bergamaschi trovano il clamoroso ribaltone. A firmare il gol del pari è stato Ruslan Malinovskyi alla mezz’ora, l’ucraino si libera al tiro dalla media distanza e sgancia una gran botta di sinistro imparabile per Handanovic. L’Inter accusa il colpo e si ritrova sotto al 38′, pur dopo un’occasione per De Vrij che devia da posizione ravvicinata tra le braccia di Musso. A firmare il sorpasso è Toloi, che raccoglie una respinta di Handanovic su un’altra gran botta di Malinovskyi. Al 43′ viene ammonito Calhanoglu per un intervento irregolare su Remo Freuler, si va al riposo a San Siro con l’Atalanta avanti 1-2 in casa dell’Inter. (agg. di Fabio Belli)

SBLOCCA SUBITO LAUTARO!

Grande partenza per l’Inter che già dopo 5′ trova il vantaggio contro l’Atalanta: a sbloccare il risultato Lautaro Martinez, che scappa via a Freuler su cross di Barella e non lascia scampo a Musso. L’Atalanta prova a reagire e al 12′ scappa via bene Pessina, fermato con le cattive da Bastoni che rimedia la prima ammonizione della partita. Al 16′ finisce di poco a lato rispetto alla porta difesa da Handanovic una conclusione di Malinovskyi sporcata anche da una deviazione, quindi ammonizione anche per Palomino mentre al 23′ De Roon calcia forte di destro sfruttando una sponda di Zapata ma mancando ancora di pochi centimetri il bersaglio. (agg. di Fabio Belli)

SI COMINCIA!

Eccoci al fischio d’inizio della diretta di Inter Atalanta: le formazioni ufficiali stanno già facendo il loro ingresso in campo a San Siro, però prima del fischio d’inizio spendiamo due parole anche sull’arbitro. A dirigere il derby sarà il fischietto aia di Napoli Fabio Maresca, che per l’occasione avrà al fianco gli assistenti Colarossi e Prenna e il quarto uomo Abisso. La giacchetta nera in questa stagione ha già collezionato 5 direzioni di cui uan sola per il primo campionato nazionale (Verona-Roma): nel complesso l’arbitro vanta a tabella 24 cartellini gialli e un calcio di rigore decisi, Aggiungiamo che nella sua lunga carriera Maresca ha messo a tabella ben nove precedenti con l’Inter (con sei successi dei milanesi) e 11 testa a testa con l’Atalanta, la quale con il fischietto ha realizzato sette vittorie. Ora però diamo la parola al campo: la diretta Inter Atalanta comincia!

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 de Vrij, 95 Bastoni; 36 Darmian, 23 Barella, 77 Brozovic, 20 Calhanoglu, 14 Perisic; 9 Dzeko, 10 Lautaro. A disposizione: 21 Cordaz, 97 Radu, 2 Dumfries, 5 Gagliardini, 7 Sanchez, 8 Vecino, 11 Kolarov, 13 Ranocchia, 32 Dimarco, 33 D’Ambrosio, 38 Sangalli, 48 Satriano. Allenatore: Simone Inzaghi. ATALANTA (3-4-1-2): 1 Musso; 2 Toloi, 6 Palomino, 28 Demiral; 77 Zappacosta, 11 Freuler, 15 De Roon, 8 Gosens; 32 Pessina; 91 Zapata, 18 Malinovskyi. A disposizione: 31 Rossi, 57 Sportiello, 3 Maehle, 7 Koopmeiners, 13 Pezzella, 19 Djimsiti, 59 Miranchuk, 66 Lovato, 72 Ilicic, 88 Pasalic, 99 Piccoli. Allenatore: Gian Piero Gasperini. (agg Michela Colombo)

DIRETTA INTER ATALANTA: LE STATISTICHE

La diretta di Inter Atalanta è già una sfida ad alta quota tra due squadre che lottano per provare a dare subito una svolta alla stagione. La squadra di Simone Inzaghi è seconda a 13 punti, oltre al pari contro la Sampdoria hanno sempre vinto. Al momento hanno il miglior attacco con 18 reti fatte ma sono due punti dietro al Napoli dell’ex Luciano Spalletti che invece è a punteggio pieno. La difesa ha incassato 5 reti, meglio ha fatto proprio l’Atalanta che ne ha subite 4 così come Milan e Napoli ferme invece a 2. Dall’altro lato la Dea è a 10 punti con 3 vittorie, un pareggio e una sconfitta. L’attacco della squadra bergamasca è stranamente in difficoltà con appena 6 reti fatte, peggio solo Udinese a 6, Sampdoria, Sassuolo a 5, Salernitana a 4 e Venezia a 3.

La difesa però funziona molto bene con 4 reti subite fino a questo momento. Il miglior marcatore della partita è Edin Dzeko che ha avuto un impatto devastante con la maglia nerazzurra riuscendo a segnare ben 4 reti nelle prime 5 partite. Dall’altra parte invece il miglior marcatore finora è stato Duvan Zapata che di gol ne ha fatti 2. Staremo a vedere come si aggiornerà il bilancio dopo la gara di oggi. (agg Matteo Fantozzi)

TESTA A TESTA

Molto ricca e sempre stuzzicante è la storia che ci accompagna verso la diretta di Inter Atalanta, bellissimo derby lombardo in programma oggi a San Siro. In passato possiamo ricordare ad esempio i quarti di finale della Coppa Uefa 1990-1991 poi vinta dall’Inter, negli anni recenti è sempre stata una sfida di vertice ma i nerazzurri milanesi sono comunque davanti ai cugini bergamaschi, anche negli ultimi dieci precedenti, nei quali infatti il bilancio è di quattro vittorie per l’Inter, altrettanti pareggi e due successi per l’Atalanta, entrambi a Bergamo. A Milano invece in questi anni si contano tre vittorie dei campioni d’Italia (compreso il 7-1 di domenica 12 marzo 2017) e due pareggi.

Nello scorso campionato 2020-2021, infine, dobbiamo ricordare il pareggio per 1-1 all’andata a Bergamo domenica 8 novembre 2020 e la vittoria per 1-0 dell’Inter al ritorno lunedì 8 marzo scorso, firmata dal gol di Skriniar e che fu lo scatto forse decisivo verso la fuga scudetto. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

INTER ATALANTA: SPETTACOLO A SAN SIRO!

Inter Atalanta, in diretta sabato 25 settembre 2021 alle ore 18.00 presso lo stadio Giuseppe Meazza di Milano, sarà una sfida valevole per la sesta giornata d’andata del campionato di Serie A. Una sfida da Champions tra due squadre impegnate nella massima competizione continentale e da tre stagioni stabilmente tra le prime quattro in classifica. L’importante vittoria di Firenze ha aumentato le certezze di un’Inter capace di vincere in rimonta contro un avversario a tratti arrembante, con la qualità dei campioni d’Italia in carica, a livello d’organico, che sembra in grado di fare la differenza come nella passata stagione.

L’Atalanta dopo una falsa partenza ha inanellato due successi consecutivi contro Salernitana e Sassuolo, entrambi sofferti ma estremamente importanti per i bergamaschi per tornare a veleggiare nella parte alta della classifica, nella speranza di ritrovare presto la brillantezza che ha sempre contraddistinto i nerazzurri nel ciclo di Gasperini. Ciclo in cui l’Atalanta n0n è mai però riuscita a vincere nella San Siro nerazzurra in campionato: ultimo successo orobico datato 23 marzo 2014, 1-2 con doppietta di Jack Bonaventura. L’8 marzo scorso l’Inter ha vinto 1-0 l’ultimo scontro in casa contro l’Atalanta, decisivo un gol di Milan Skriniar.

PROBABILI FORMAZIONI INTER ATALANTA

Le probabili formazioni della diretta Inter Atalanta, match che andrà in scena allo stadio Giuseppe Meazza di Milano. Per l’Inter, Simone Inzaghi schiererà la squadra con un 3-5-2 come modulo. Questa la formazione di partenza: Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Dimarco; Dzeko, Lautaro. Risponderà l’Atalanta allenata da Gian Piero Gasperini con un 3-4-2-1 così schierato dal primo minuto: Musso; Toloi, Demiral, Palomino; Maehle, Pasalic, Freuler, Gosens; Malinovskyi; Miranchuk, Zapata.

LE QUOTE PER LE SCOMMESSE

Per chi vorrà scommettere sul match al Giuseppe Meazza di Milano, ecco le quote fissate dall’agenzia di scommesse Snai. La vittoria dell’Inter con il segno 1 viene proposta a una quota di 1.92, l’eventuale pareggio con il segno X viene offerto a una quota di 3.85, mentre l’eventuale successo dell’Atalanta, abbinato al segno 2, viene fissato a una quota di 3.65.

© RIPRODUZIONE RISERVATA