AMICHEVOLE LAZIO FIORI BARP MAS ANNULLATA/ Maltempo nel Cadore: non si gioca

- Claudio Franceschini

Amichevole Lazio Fiori Barp Mas annullata: maltempo nel Cadore, i rischi di esondazione fanno saltare la partita contro la squadra del bellunese, allenamenti rinviati a lunedì 31 agosto.

Ciro Immobile gol Lazio Verona lapresse 2020 640x300
Probabili formazioni Lazio Inter (Foto LaPresse)

L’amichevole Lazio Fiori Barp Mas è stata annullata: continua dunque la maledizione per i biancocelesti che, dopo la cancellazione dei primi due test contro squadre locali, si trova costretta a fermarsi anche oggi. Se però Auronzo e Cadore, le due avversarie per Simone Inzaghi, non sono scese in campo contro la Lazio per motivi di natura organizzativa legati alle norme anti-Covid, il test contro il Fiori Barp Mas non si giocherà per l’alluvione che si è verificata nel bellunese nelle ultime ore: in particolare nella zona del Cadore, sede del ritiro della squadra capitolina, la situazione è abbastanza complessa dal punto di vista climatico e così, dopo l’allarme idrogeologico da parte della Prefettura di Belluno, l’amichevole è stata cancellata per i rischi di esondazione. Allenamenti dunque rinviati a lunedì 31 agosto, sempre che per allora si possa tornare in campo. (agg. di Claudio Franceschini)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Lazio Fiori Barp Mas, come tutte le altre amichevoli estive dei biancocelesti, sarà trasmessa da Lazio Style Channel: trovate il canale al numero 233 del decoder di Sky e dunque solo gli abbonati potranno assistere a questa sfida. In assenza di un televisore ci sarà poi la possibilità di seguire le immagini da Auronzo con il servizio di diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l’applicazione Sky Go su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

LA NUOVA STAGIONE DELLA LAZIO

Lazio Fiori Barp Mas ci introduce ad un altro impegno amichevole per la squadra biancoceleste, che quest’anno sarà chiamata al doppio impegno. Finalmente Simone Inzaghi ha centrato il grande obiettivo, riportando la Lazio ai gironi di Champions League: traguardo meritatissimo da un allenator già entrato nella storia della società, e che adesso dovrà affrontare un 2020-2021 che non si prospetta semplice. Nella stagione appena conclusa i biancocelesti erano in piena corsa per lo scudetto: senza il Coronavirus sarebbero stati favoriti, ma dopo il lockdown la rosa corta si è fatta sentire in maniera negativa, i tanti infortuni hanno affondato Inzaghi che si è dovuto accontentare del quarto posto. Adesso dunque si apre una nuova sfida: provare a competere per la vittoria del campionato ma allo stesso tempo portare avanti una campagna europea che non dovrà ovviamente essere una comparsata, ma tesa quantomeno a qualificarsi agli ottavi per poi provare a giocarsi tutte le carte possibili. La parola d’ordine sembra allora quella di allungare la rosa a disposizione del tecnico biancoceleste, ma staremo a vedere quello che Claudio Lotito e Igli Tare faranno; intanto la firma di Pepe Reina è sicuramente positiva. (agg. di Claudio Franceschini)

IL VOLTO NUOVO

In Lazio Fiori Barp Mas potremmo già vedere all’opera Pepe Reina: si riferiva a lui il direttore della comunicazione Stefano De Martino, quando parlava di un giocatore che avrebbe dovuto effettuare le visite mediche prima di affrontare il ritiro di Auronzo di Cadore. Tecnicamente il portiere spagnolo arriva per fare la riserva di Thomas Strakosha: come dodicesimo aveva già affrontato l’avventura nel Milan, quando aveva messo insieme 13 partite prima di lasciare, lo scorso gennaio, e contribuire alla salvezza dell’Aston Villa nella Premier League inglese. Reina ha grande esperienza: anche in Serie A, dove ha giocato 141 partite con il Napoli sfiorando due volte lo scudetto; negativa l’esperienza al Bayern Monaco dove era convinto di giocare di più, ma non aveva fatto i conti con la straordinaria forma di Manuel Neuer, decisamente positiva quella nel Liverpool che ha raggiunto con la squadra campione d’Europa. Sono state 396 le gare con i Reds, compresa la finale di Champions League persa contro il Milan; in precedenza Reina aveva giocato tre stagioni con il Villarreal che lo aveva acquistato dal Barcellona, dove è cresciuto e ha disputato i primi due anni da professionista. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Lazio Fiori Barp Mas si gioca alle ore 17:00 di domenica 30 agosto: si tratta della seconda amichevole estiva per i biancocelesti, che come di consueto si sono radunati ad Auronzo di Cadore per preparare la stagione che verrà. Dopo aver sfidato la Triestina, l’avversaria di oggi è una formazione locale: fa capo appunto a Mas, frazione del comune di Sedico in provincia di Belluno, e gioca nel campionato di Prima Categoria. Evidente la differenza sul terreno di gioco, ma è inevitabile che sia così: in questo momento Simone Inzaghi deve soprattutto pensare ai carichi di lavoro e a valutare alcuni elementi della rosa che potrebbero fare le valigie, allo stesso tempo individuando la possibilità di acquistare altri giocatori. Ora ci mettiamo in attesa della diretta di Lazio Fiori Barp Mas; aspettando che l’amichevole prenda il via possiamo ipotizzare quale potrebbe essere l’undici di partenza dell’allenatore biancoceleste, leggendo insieme le probabili formazioni.

PROBABILI FORMAZIONI LAZIO FIORI BARP MAS

Proviamo allora a ipotizzare le decisioni di Simone Inzaghi per Lazio Fiori Barp Mas, tenendo conto del fatto che l’obiettivo sarà chiaramente quello di testare tutta la rosa a disposizione. Pepe Reina potrebbe essere già in campo, anche se verosimilmente può giocare il secondo tempo: spazio allora a Guerrieri, davanti a lui i giovani Armini e Jorge Silva possono agire insieme a Vavro che sarebbe il leader del reparto almeno come esperienza. A centrocampo, potenziali titolari sono Djavan Anderson e Jordan Lukaku come esterni; in mezzo al campo potrebbe essere provato Cataldi (se avrà recuperato) che sarà stretto tra due mezzali che potrebbero essere Parolo e Sergej Milinkovic-Savic. Davanti, Adekanye cerca spazio: può ovviamente essere una scelta anche per valutarne i progressi, se Immobile e Caicedo dovessero partire dalla panchina attenzione alla soluzione con i due trequartisti, uno dei quali sarebbe eventualmente André Anderson.

© RIPRODUZIONE RISERVATA