DIRETTA/ Trento Treviso (finale 90-79) streaming tv: la Dolomiti la ribalta!

- Claudio Franceschini

Diretta Trento Treviso streaming video tv: orario e risultato live della partita valida per la Supercoppa Italiana 2020 di basket, siamo nel gruppo C e si gioca alla BLM Group Arena.

Treviso basket
Diretta Trento Treviso, Supercoppa basket gruppo C (Foto LaPresse)

DIRETTA TRENTO TREVISO (FINALE 90-79): LA DOLOMITI LA RIBALTA!

Ancora un ribaltone nella sfida di Supercoppa Italiana di basket tra Dolomiti Energia Trento e De’ Longhi Treviso. Alla fine la vittoria se la sono presa i padroni di casa che nell’ultimo quarto hanno imposto un parziale di 29-14, chiudendo il contro-ribaltone rispetto all’intervallo che aveva visto i trevigiani prendere saldamente in mano le redini della partita. Le trame offensive della De’ Longhi invece si sono di nuovo inceppate e Trento ha potuto chiudere sul 90-79, con uno strepitoso Browne autore da solo di 29 punti, seguito dai 18 punti di Sanders e dai 14 punti di Morgan per la Dolomiti. Mekowulu e Russell con 16 punti ciascuno sono stati i migliori realizzatori per Treviso, ma non è bastato per evitare il sorpasso di larga misura da parte di Trento. (agg. di Fabio Belli)

DIRETTA STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Trento Treviso non è disponibile sui canali della nostra televisione: la Supercoppa Italiana 2020 di basket è un’esclusiva della piattaforma Eurosport Player, un servizio per il quale è necessario sottoscrivere un abbonamento e che vi permetterà di seguire tutte le gare del torneo in diretta streaming video, dotandovi ovviamente di dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone. Ricordiamo anche la possibilità di seguire il tabellino play-by-play e le principali statistiche sul sito ufficiale www.legabasket.it.

LA DOLOMITI SI RIAVVICINA

Chiuso il terzo quarto con un parziale a proprio favore di 28-19, la Dolomiti Energia Trento si riavvicina alla De’ Longhi Treviso portando il punteggio sul 61-65, recuperando così dopo il disastroso parziale di 9-30 del secondo quarto. Sale in cattedra Browne che con 17 punti diventa il miglior marcatore della formazione di casa, dall’altra parte 14 punti messi a segno in solitudine da Russell, ma per la formazione trevigiana la vita sotto canestro è tornata dura, con Trento che ha saputo riorganizzarsi dopo la sbandata dal punto di vista difensivo: ora il match sembra aperto ad un ultimo quarto potenzialmente capace di produrre ogni sviluppo. (agg. di Fabio Belli)

RIBALTONE DE’ LONGHI!

Clamoroso secondo quarto con la De’ Longhi Treviso che ha imposto alla Dolomiti Energia Trento un 9-30 che ha completamente cambiato l’inerzia della partita, con i trevigiani che arrivano all’intervallo sopra di 13 punti. 10 punti per Mekowulu e 8 per Akele, ma la De’ Longhi più che per le prestazioni dei singoli ha brillato per la straordinaria prova corale, con l’attacco che dopo aver sofferto nel primo quarto è diventato straripante nel secondo parziale. 10 punti di Pascolo non sono bastati a Trento che dopo una buona partenza non è riuscita praticamente più a combinare nulla sotto canestro, passando nel punteggio da +8 a -13 nel giro di un parziale. (agg. di Fabio Belli)

DOLOMITI ENERGIA, BUONA PARTENZA

Buona partenza per la Dolomiti Energia Trento che si porta già a +8 su Treviso nella sfida relativa alla Supercoppa Italiana di basket. Padroni di casa guidati da un ottimo Pascolo, ma oltre che a livello organizzativo Trento ha avuto una grande abilità nel tenere lontana la De’ Longhi dalla zona punti, solo 16 punti per Treviso in avvio di gara con il 24-16 della fine del primo parziale che rende evidente una certa mancanza di equilibrio tra i reparti, con la De’ Longhi che ha iniziato sotto ritmo una partita già di per sé difficile, esaltando la difesa trentina, efficace per tutta la durata del parziale. (agg. di Fabio Belli)

SI GIOCA

Eccoci pronti alla diretta di Trento Treviso: se nell’esordio contro Venezia a brillare sono stati i già citati Jeffrey Carroll e Christian Mekowulu, il flop è stato rappresentato da David Logan. La guardia di Chicago chiaramente non può più essere dominante come ai tempi di Sassari, oggi ha un ruolo da sesto uomo ma nonostante questo non eravamo preparati a vedere quanto accaduto al Taliercio. Contro Venezia il numero 1 della Universo Basket ha chiuso una partita orribile con 0 punti, 0/8 dal campo, 2 palle perse, nessun rimbalzo e un assist. La valutazione, che è stata di -8, racconta praticamente tutto; dall’altra parte ci sarebbe anche un -4 di plus/minus in una partita che Treviso ha perso di 14 punti, ma è chiaro che Massimiliano Menetti conti sui canestri pesanti del suo veterano, non più chiamato a segnarne 20 a serata ma comunque a farsi sentire quando la palla scotta. Così non è stato nella prima dei veneti, e allora sarà interessante scoprire quello che succederà alla BLM Group Arena: mettiamoci comodi e lasciamo che a parlare sia il parquet di questo palazzetto, finalmente si alza la palla a due su Trento Treviso! (agg. di Claudio Franceschini)

I PROTAGONISTI

Si avvicina il momento di Trento Treviso: due dei protagonisti che vedremo in campo oggi sono certamente Jeffrey Carroll e Christian Mekowulu. Arrivati entrambi dalla Serie A2, sono gli stranieri sui quali la Universo Basket ha puntato forte e all’esordio ufficiale non si sono nascosti: Carroll, una guardia, ha chiuso con 18 punti (uscendo dalla panchina) tirando 7/14 dal campo ma catturando anche 5 rimbalzi, mentre il centro Mekowulu ha dominato sotto i tabelloni portando in dote 20 punti con uno stratosferico 8/8 da 2 (a referto anche una tripla sbagliata, che gli ha sporcato la statistica), un 4/7 ai liberi frutto della sua pericolosità e 8 rimbalzi, chiudendo con 27 di valutazione e risultando dunque il miglior giocatore della squadra, il tutto contro clienti che rispondevano ai nomi di Mitchell Watt e Austin Daye. Tuttavia, va anche detto che il nigeriano è leggermente scomparso nel quarto periodo quando invece l’esperienza di Watt ha iniziato a farsi sentire; da questo punto di vista Max Menetti dovrà essere bravo a lavorare sulla costanza e sull’aspetto psicologico, ma per quello che abbiamo visto fino a qui sembra che Treviso, che in estate ha perso Isaac Fotu andato proprio alla Reyer, abbia trovato due trascinatori tecnici che potranno far fare un bel salto di qualità a una squadra che deve innanzitutto salvarsi. (agg. di Claudio Franceschini)

GLI ALLENATORI

Nel presentare la diretta di Trento Treviso, è interessante fare un focus sugli allenatori che saranno impegnati questa sera alla BLM Group Arena. Nicola Brienza ha passato una vita a Cantù ed era anche stato scelto come head coach, poi ha firmato per la Dolomiti Energia dovendo raccogliere un’eredità pesantissima, quella di Maurizio Buscaglia che aveva portato il club in Serie A1, alla semifinale di Eurocup e soprattutto a giocarsi due finali scudetto consecutive. Nello stesso periodo, Massimiliano Menetti ha portato Reggio Emilia a sfiorare il tricolore: anche lui è stato sconfitto da Milano (e prima ancora da Sassari, avendo per due volte la palla del titolo e poi cadendo in casa in gara-7) ma nel frattempo aveva messo in bacheca la EuroChallenge, dando una dimensione europea ad un gruppo che non a caso in quegli anni ha conosciuto e messo sotto contratto grandi giocatori, da Achille Polonara ai due lituani Darjus Lavrinovic e Rimas Kaukenas passando poi ad altri. Poi, Menetti è andato a Treviso: ha centrato subito la promozione in Serie A1 passando attraverso i playoff e nel campionato interrotto dal lockdown si stava tutto sommato comportando bene, mantenendo la Universo Basket in zona salvezza. Ora, la conferma attesa: sarà in grado il coach di riportare Treviso ai fasti di un tempo? (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Trento Treviso sarà diretta dagli arbitri Alessandro Vicino, Andrea Bongiorni e Marco Vita: alle ore 20:30 di sabato 5 settembre la BLM Group Arena ospita la partita valida per il gruppo C della Supercoppa Italiana 2020 di basket, terza giornata. Due realtà diverse, che negli ultimi anni si sono incrociate poco: l’Aquila con Maurizio Buscaglia in panchina ha fatto un grande salto di qualità, dalla promozione in Serie A1 è stata subito competitiva e addirittura è arrivata a giocarsi per due volte consecutive la finale scudetto. Adesso con Nicola Brienza si sta provando a mantenere il livello, per quanto difficile; la Universo Basket invece è una società di fatto nuova, nata dalle ceneri lasciate dall’addio della famiglia Benetton. Società abituata a dominare nella pallacanestro italiana, oggi inizia la sua seconda stagione nel massimo campionato e vuole provare a tornare una corazzata come un tempo, ma il percorso è tutt’altro che semplice e allora questa Supercoppa potrebbe innanzitutto aiutare a scaldare i motori. Aspettiamo con trepidazione la diretta di Trento Treviso, nel frattempo possiamo fare qualche utile valutazione circa le due squadre sul parquet.

DIRETTA TRENTO TREVISO: SITUAZIONE E CONTESTO

Trento Treviso è una partita intrigante, tra due realtà che stanno affrontando percorsi simili anche se “spostati” nel tempo: come abbiamo detto la Dolomiti Energia è già arrivata a fare il grande salto ma adesso ha bisogno di confermarsi, ha perso la sua grande guida tecnica ed è innegabile che con la scelta di Nicola Brienza abbia voluto sviluppare un progetto continuativo e che la porti a essere competitiva anno dopo anno, provando a puntare anche sui giovani ma senza rinunciare a uomini simbolo come Toto Forray. Treviso si è trovata a dover ricostruire dalla cancellazione di una società dominante; lo ha fatto tutto sommato in tempi brevi e si è ritrovata in Serie A1 spinta da quel Massimiliano Menetti che aveva già reso una corazzata Reggio Emilia, gli acquisti di mercato sono interessanti e lo si è visto nell’esordio ufficiale contro Venezia. Quella partita è stata condotta punto a punto fino all’ultimo quarto, quando la Reyer ha poi preso il volo; da questo punto di vista la De’ Longhi deve ancora crescere ma la base per fare bene c’è, vedremo allora quello che succederà tra poche ore sul parquet della BLM Group Arena di Trento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA