SOLUZIONI SECONDA PROVA MATURITA’ 2013/ Istituto Tecnico Industriale, perito informatico, lo svolgimento del tema di informatica

- La Redazione

Lo svolgimento della traccia di informatica valida per gli studenti dell’istituto tecnico industriale, perito informatico. L’ha svolta per noi Simonetta Cristini, ecco lo svolgimento

scuola_esame_studenti_zoomR439
Infophoto

Si è tenuta ieri la seconda prova dell’esame di maturità 2013, esame che coinvolge circa mezzo milione di studenti in tutta Italia. La Prof.ssa Simonetta Cristini , docente informatica industriale ha svolto la traccia di informatica valida per gli studenti dell’Istituto tecnico industriale, perito informatico. Si tratta di un tema appunto di informatica. Ecco lo svolgimento.

Introduzione

La traccia propone una situazione di connessione client server gestibile via Internet con semplici accorgimenti

Sono identificabili due tipologie di postazioni:

Punti di controllo dogana, presenti nell’aeroporto con una disposizione geografica variabile (potrebbero essere postazioni molto distanti fra loro o raggruppati tutti in uno stesso settore dell’aeroporto)

Nodo di gestione dei controlli doganali effettuati.

La postazione locale (controllo dogana)

Per agevolare la mobilità del personale addetto ai controlli, si configurano le postazioni con computer portatili ed con connessioni wireless.( wi-fi)

L’accesso alla rete avviene attraverso degli access point. e queste postazioni locali hanno un ruolo nell’organizzazione logica della rete tipicamente da client.

La postazione di gestione.

Il server della rete sarà in questa postazione e su di esso sarà memorizzato un data base che conterrà tutti i dati sw richiesti dal problema. Tralasciano la descrizione delle procedure che devono essere implementate per il controllo e la sicurezza delle informazioni memorizzate.

Organizzazione dei dati

Dopo un’attenta lettura della traccia appare sensato optare per una soluzione che preveda la presenza di un database sul server e di alcune pagine web che permettano la gestione dei dati anche dai client.

Oltre le tre entità evidenziate dalla traccia (passeggero, merce_trasporata e controllo, risultano necessarie altre due addetto_controllo e punto_controllo.

IPOTESI AGGIUNTIVE:

1. Non risulta ben chiaro dal testo se il “funzionario” è una figura diversa dall’ ”addetto_ controlli”. Per rendere il più generale possibile la trattazione del tema proposto si aggiunge l’ipotesi che le due figure siano diverse e quindi è necessaria anche l’entità funzionario

2. Ognicontrolloeffettuatohacomeoggettounasolapersonaounsolotipodimerci.

Descrizione entità

? passeggero o cf (chiave primaria)

O cognome, o nome, o nazionalita o n_identita o aeroporto_pro o aereoporto _de o motivo_viaggio

? merci o idmerci (Chiave primaria) o categoria o descrizione o quantita

? addetto_controllo o codice (chiave primaria)

O cognome o nome o login o pasword

? punto_controllo o idpunto (chiave primaria) o posizione o descrizione

? funzionario o codice (chiave primaria)

O cognome o nome o login o pasword

? controllo o idcontrollo (chiave primaria) o punto_controllo (chiave esterna) o addetto_controllo (chiave esterna) o merce (chiave esterna) o passeggero(chiave esterna) o data o orai o oraf o esito (0-2) o dazio o note o funzionario(chiave esterna)

Per la soluzione del problema questa entità è la più importante, per questo necessità di alcune osservazioni

1. L’attributoesitoèuncaponumericochepuòassumereivalori a. 0=nessunasegnalazione b. 1=mercerespinta c. 2 = fermo del passeggero

2. Seildaziononèdovutol’attributodaziorestaconilvaloreiniziale0

Schema logico Esempio di creazione in sql

1.

2.

3.

CREATE TABLE controllo

(id _ontrollo

Integer,

Primary key,

Punto_controllo integer references punto_controllo(idpunto),

Addetto_controllo integer references addetto_controllo(codice),

Merce integer references merce(idmerci)

Passeggero char(12) references passeggero(cf),

Date datetime,

Orai time,

Oraf time,

Esito smallint,

Dazio real,

Note char(20),

Funzionario integer references funzionario(codice))

In modo simile si ripetono le creazioni delle altre tabelle.

Select passeggero.*

From passeggero, controllo

Where passeggero.cf= controllo.passeggero and

Controllo.data = getdate();

Select sum(controllo.dazio), punto_controllo

From controllo

Group by punto_controllo;

Select sum(merci.quantita), merci.categoria

From merci, controllo

Where merci.idmerci=controllo.merce and controllo.data >=‘01/01/2013’ and

Controllo.esito=1

Group by merci.categoria;

Selec avg(controllo.oraf-controllo.orai), controllo.punto_controllo

From controllo

Where controllo.data = getdate()

Group by punto_controllo;

Select passeggero.*

From passeggero, controllo

Where controllo.esito=2 and controllo.passeggero= passeggero.cf and controllo.date

>=’01/01/2013’

Group by passeggero.nazionalita

Order by passeggero.cognome, passeggero.nome;

Select addetto_controllo.cognome, addetto_controllo.nome

From controllo, addetto_controllo

Where controllo.addetto_controllo = addetto_controllo.codice and

Controllo.data=getdate()

Order by controllo.funzionario;

Codifica

La traccia lascia libero lo studente di scegliere il segmento del progetto da realizzare in un

Linguaggio a scelta

Gran parte del lavoro di gestione dell’accesso al DB è affidata a mysql ed alla potenzialità del

PHP, o dei vari ambienti di sviluppo per applicazioni web. Senza scendere nel dettaglio del loro

Specifico utilizzo, mi limito a indicare le funzioni principali necessarie per la codifica di una

Qualsiasi sezione

Connessione localhost $db =

Interrogare il data base

Con queste istruzioni si può realizzare una qualsiasi sezione del nostro progetto utilizzando le istruzioni (My)SQL riportate precedentemente.

(Prof.ssa Simonetta Cristini , docente informatica industriale, ITI ALESSANDRINI –

MONTESILVANO (PE)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori