Elisa Dal Bosco/ “Diabetica, rischiavo coma ipoglicemico: salvata dal mio cane Jack”

- Emanuela Longo

Elisa Dal Bosco ospite di Francesca Fialdini insieme al suo amico a quattro zampe Jack, il suo eroe. Le ha salvato la vita per due volte

elisa dal bosco rai1 640x300
Elisa Dal Bosco

Elisa Dal Bosco ha raccontato la sua storia a Da noi a ruota libera, il programma di Francesca Fialdini in onda su Rai1. La giovane ha esordito: “Mi occupavo di marketing a livello internazionale, viaggiavo moltissimo e trascuravo la mia vita. Sono diabetica di tipo 1, oggi sono adulta ma purtroppo non posso permettermi questo lusso perché dal diabete non si guarisce. Il mio era molto irregolare”, ha spiegato.

Quattro anni fa sono successi due episodi molto difficili in cui ha rischiato la vita: “Mi sono sentita molto male e sono andata in coma ma c’era qualcuno accanto a me che mi ha svegliato evitando di addormentarmi ed entrare in coma ipoglicemico. Io vivo da sola ma il destino, la fortuna, l’audacia mi ha permesso di avere accanto a me qualcuno, un vero e proprio eroe”, ha spiegato Elisa. Il suo eroe è un bellissimo amico a quattro zampe, Jack: è il mio eroe”, ha aggiunto.

Elisa Dal Bosco e la storia del suo cane Jack

Elisa Dal Bosco ha presentato al pubblico di Rai1 la loro storia: “Grazie al suo magnifico olfatto ha sentito le mie variazioni glicemiche”, ha spiegato la ragazza. Non avendo un pancreas funzionante, Elisa ha un microinfusore ma Jack sente prima le variazioni glicemiche agitandosi ed avvisandola. “In questi due episodi lui mi ha letteralmente svegliato, io ero stesa a terra e solo grazie a lui sono qui a parlare con te”.

Jack è un meticcio e nessuno sapeva delle sue doti. Mentre Elisa lavorava al computer, era così impegnata da dimenticare di mangiare. Si è addormentata e poco dopo lui l’ha svegliata togliendole gli occhiali e tirandole i capelli. La seconda volta è stata più grave: “Sono stata in coma per 4 ore”, ha spiegato. In quel caso Jack per svegliarla le ha buttato il pc a terra e persino graffiato il viso per paura che non si svegliasse più. Oggi Jack è diventato un cane da pet therapy.



© RIPRODUZIONE RISERVATA