Enzo Paolo Turchi “Soffro ancora per Raffaella Carrà”/ “Fece un dono a mia figlia”

- Anna Montesano

Enzo Paolo Turchi ricorda Raffaella Carrà due mesi dopo la sua morte: “Soffro ancora tantissimo”, ha rivelato ai microfoni di Estate in diretta

enzo paolo turchi min 640x300
Screenshot da video

Sono passati due mesi dalla morte di Raffaella Carrà e su Rai 1, nel corso della nuova puntata di Estate in diretta, la conduttrice viene ricordata da cari amici come Enzo Paolo Turchi. Il ballerino e coreografo ammette di non aver ancora ben realizzato la morte dell’amica: “Io soffro moltissimo perchè ho passato gran parte della mia carriera con lei.”, ha esordito.

Ha così svelato un aneddoto riguardante la figlia da lui avuta con Carmen Russo: “Mia figlia Maria, otto anni, canta gran parte delle sue canzoni e questo mi colpisce molto. Io le ho chiesto come le conoscesse e lei mi ha detto che le ha sentite da internet“. Ma non è tutto, Enzo Paolo ha infatti raccontato di un dono speciale fatto dalla Carrà alla figlia: “Le ha regalato un angelo d’argento benedetto che lei tiene vicino al letto”, ha svelato il coreografo.

Alessandro Cecchi Paone ricorda Raffaella Carrà a Estate in diretta

Enzo Paolo Turchi, nello studio di Estate in diretta, ha concluso, raccontando un ultimo aneddoto: “Quattro giorni prima della sua morte ad una persona ha detto di volerle raccontare qualcosa di nostro rapporto, questo mi ha fatto molto felice”, ha rivelato.

Anche Alessandro Cecchi Paone, tra gli ospiti di Estate in diretta, ha ricordato ancora una volta Raffaella Carrà, raccontando: “Non sapevo nulla della sua grande religiosità. Anche se non c’è più continua a stupire e a commuovere, quindi per me è stata una vera e propria nuova scoperta. Per Raffaella sono state scelte sempre le canzoni giuste cucite proprio per lei”, ha concluso il noto divulgatore scientifico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA