WIKILEAKS/ Chi sono Anna Ardin e Sofia Wilen, le donne che accusano Julian Assange

- La Redazione

Chi sono le donne che accusano Julian Assange

sofia_wilen_anna_ardin_R400
Da sinistra, Sofia Wilen e Anna Ardin, le donne che accusano Julian Assange

Mistero su Anna Ardin, una delle due donne che accusano Assange di stupro. La Ardin da qualche giorno, esattamente dall’arresto del suo accusato, Julian Assange, è irreperibile.

Su di lei informazioni contrastanti: sarebbe una cristiana fondamentalista ma anche una femminista totale, capace di accusare un suo studente di molestie sessuali perché durante una lezione universitaria avrebbe guardato i suoi appunti invece di guardare lei in faccia. Una tecnica che le femministe chiamano offensiva, nel tentativo di ignorare la donna presente. Anna Ardin è anche sospettata di essere un agente della Cia, avrebbe infatti collaborato con gruppi di cubani contrari a Fidel castro.

E’ anche membro del partito social democratico svedese e quale membro del partito ha visitato parecchie volte Cuba. Secondo alcuni giornalisti la donna in passato ”ha visitato Cuba dove si è riunita con le Damas de Blanco ed altri gruppi dell’opposizione”. Ma non solo: Anna, secondo altre testimonianze, sarebbe legata a Carlos Alberto Montaner, un analista cubano che secondo l’Avana lavorerebbe per la Cia per mettere a punto ”piani anticubani”. Una spia degli Stati Uniti, insomma, e, per molti, il passo verso le accuse ad Assange sarebbe breve.

Adesso la Ardin si troverebbe in Cisgiordania per un progetto di pace tra palestinesi e israeliani e ha comunicato che non vuole più collaborare con i giudici svedesi. Si conosce invece molto poco della seconda accusatrice, Sofia Wilen, 26 anni. Alcuni la definiscono una autentica groupie, come le ragazze che vanno dietro alle rock star per avere rapporti con loro. Con Assange si sarebbe comportata allo stesso modo. La Wilenm fidanzata con un artista americano, Seth Benson, è amica della Ardin. E’ stata la prima delle due ad accusare Assange. Ma di lei si sa veramente poco.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori