Euro 2020, designazioni arbitri/ Jonas Eriksson: “Ci sono manovre oscure”

- Mauro Mantegazza

Euro 2020, designazioni arbitri: l’ex fischietto svedese Jonas Eriksson accusa parlando “manovre oscure” legate ad amicizia, corruzione, lealtà e gioco delle nazionalità.

arbitri
Arbitri, Aia (Foto: LaPresse)

Jonas Eriksson, ex fischietto svedese, ha criticato le designazioni degli arbitri per le partite di questa fase finale di Euro 2020 con durezza, denunciando poca chiarezza nelle scelte della UEFA. Ecco dunque innanzitutto cosa ha affermato Eriksson: “Spesso ci si chiede come vengono decisi gli arbitri per le fasi finali di queste manifestazioni. La verità è che è una questione oscura. Una politica sporca e un mondo falso in cui l’amicizia, la corruzione, la lealtà e il gioco delle nazionalità svolgono un grande ruolo. Il calcio dovrebbe parlare di fair play, con un regolamento uguale per tutti, ma quando si tratta di arbitrare, tutto avviene in stanze chiuse, con programmi politici e con in mente tutto tranne il meglio del calcio”. Questa l’accusa, dura ma a dire il vero abbastanza generica (senza riferimenti precisi) da parte di Jonas Eriksson all’indirizzo della UEFA. Parole pronunciate prima di Inghilterra Danimarca, ma il rigore molto dubbio che ha spianato la strada al successo dei padroni di casa inglesi sicuramente non aiuterà a rasserenare gli animi.

EURO 2020, ERIKSSON CONTESTA LE DESIGNAZIONI DEGLI ARBITRI

Le designazioni degli arbitri a Euro 2020 hanno destato più di una volta polemiche: uno dei fischietti più contestati è stato il tedesco Felix Brych, nel mirino in particolare per la direzione dell’ottavo di finale tra Belgio e Portogallo, ma che nonostante ciò è stato designato in seguito pure per un quarto di finale e di nuovo per la semifinale Italia Spagna. L’olandese Danny Makkelie è stato invece l’arbitro di Inghilterra Danimarca, seconda semifinale caratterizzata come detto dal dubbio rigore per gli inglesi ai tempi supplementari. Le parole di Jonas Eriksson non aiuteranno di certo a rasserenare il clima verso la partita più importante di Euro 2020, la finale Italia Inghilterra. Nato il 28 marzo 1974, Eriksson ha grande esperienza, essendo stato un arbitro internazionale FIFA dal 2002 al 2018, che ha partecipato ai Mondiali 2014 in Russia e agli Europei del 2012 e del 2016, inoltre è stato l’arbitro della Supercoppa Europea 2013 e della finale di Europa League 2016, oltre che quarto uomo nella finale di Champions League 2015. Adesso non ci resta che attendere la designazione dell’arbitro per la finale Italia Inghilterra…



© RIPRODUZIONE RISERVATA