Eutanasia, no di Papa Francesco/ “Suicidio assistito? No libertà, strada sbrigativa”

- Niccolò Magnani

Papa Francesco, nuovo no all’eutanasia e al suicidio assistito: “sono strage sbrigative, l’esatto contrario della piena libertà umana”

Papa Francesco
Papa Francesco in udienza (LaPresse, 2018)

Lo aveva già detto lo scorso 2 settembre incontrando i membri dell’Associazione italiana di Oncologia Medica e lo ha ripetuto anche questa mattina ricevendo in udienza questa mattina la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Papa Francesco dice no all’eutanasia e al suicidio assistito e la tempistica non è per nulla casuale: in Italia entro il 24 settembre scade il termine posto dalla Corte Costituzionale affinché il Parlamento compisse una discussione e disegno di legge sul “suicidio assistito” e come ricordato anche dal capo della Cei Card. Gualtiero Bassetti «è stato perso tempo per difendere il No forte al diritto di morte». Dunque il nuovo appello-richiamo del Papa giunge forte in un momento in cui è l’Italia al centro di un dibattito che probabilmente infuocherà la politica e la società nei prossimi giorni: «Si può e si deve respingere la tentazione, indotta anche da mutamenti legislativi, di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato, fornendo assistenza al suicidio o causandone la morte», lo ha detto il Pontefice parlando di eutanasia e sottolineando come «si tratta di strade sbrigative di fronte a scelte che non sono, come potrebbero sembrare, espressione di libertà della persona, quando includono lo scarto del malato come possibilità, o falsa compassione di fronte alla richiesta di essere aiutati ad anticipare la morte».

PAPA FRANCESCO IL NUOVO NO ALL’EUTANASIA

Nel lungo discorso scritto e letto con passaggi “a braccio”, Papa Francesco ragiona assieme ai medici presenti in Vaticano: «La malattia è più di un fatto clinico, medicalmente circoscrivibile; è sempre la condizione di una persona, il malato, ed è con questa visione integralmente umana che i medici sono chiamati a rapportarsi al paziente». Ha poi proseguito il Papa, «è importante che il medico non perda di vista la singolarità di ogni malato, con la sua dignità e la sua fragilità. Un uomo o una donna da accompagnare con coscienza, con intelligenza e cuore, specialmente nelle situazioni più gravi». Al termine dell’udienza, decisivo il passaggio dove Bergoglio cita direttamente Papa Giovanni Paolo II che assieme a Ratzinger sull’eutanasia e il diritto alla morte ha scritto diverse pagine tra le più illuminanti nella dottrina sociale della Chiesa: «la responsabilità degli operatori sanitari è oggi enormemente accresciuta e trova la sua ispirazione più profonda e il suo sostegno più forte proprio nell’intrinseca e imprescindibile dimensione etica della professione sanitaria, come già riconosceva l’antico e sempre attuale giuramento di Ippocrate, secondo il quale ad ogni medico è chiesto di impegnarsi per il rispetto assoluto della vita umana e della sua sacralità».



© RIPRODUZIONE RISERVATA