Eva Henger, nuovi dettagli sull’incidente/ “Rimasta intrappolata tra le lamiere e…”

- Anna Montesano

Eva Henger racconta nuovi dettagli sul grave incidente stradale: “Rimasta intrappolata tra le lamiere, è stato terribile”

barbara durso eva henger 640x300
Eva Henger, Pomeriggio 5

Eva Henger, nuovi dettagli sul grave incidente stradale

Continua la lunga riabilitazione di Eva Henger che alcuni giorni fa è stata coinvolta in un grave incidente stradale, assieme a suo marito Massimiliano Caroletti, in cui sono morte due persone. Eva ha riportato numerose fratture e, nel corso di una intervista rilasciata a Diva e Donna, ha raccontato nuovi dettagli di quei drammatici momenti in cui, svela, è rimasta sempre cosciente, anche quando era intrappolata tra le lamiere.

“È stato terribile”, ha ammesso la Henger, come riporta LaNostraTv. D’altronde la preoccupazione più grande in quegli istanti era proprio per il marito perché se lei era cosciente, “Massimiliano è invece svenuto, – ha ricordato – il suo cuore si è fermato e i soccorritori hanno dovuto rianimarlo… Lo guardavo impotente… Non potevo muovermi…”. L’uomo infatti è stato tra la vita e la morte ma ora, fortunatamente, si è ripreso.

Eva Henger, come sta dopo l’incidente?

In queste settimane Eva Henger è stata spesso ospite in collegamento a Pomeriggio 5 dove sono arrivati aggiornamenti sulle sue condizioni di salute. L’ultimo da uno specialista che le ha operato il piede e che ha svelato: “Venerdì Eva è stata sottoposta a un intervento chirurgico per trattare la frattura pluriframmentaria del calcagno. È stata eseguita una ricostruzione della parte posteriore del piede, grazie a una riduzione dei frammenti della frattura e alla correzione della deformità, perché il piede aveva subito – a causa del forte impatto – una grave deformità. Abbiamo eseguito un intervento meno invasivo, quindi senza eseguire ampie incisioni in modo tale da ridurre al minimo lo stress cutaneo e accelerare il processo di guarigione”. Gli stessi dottori hanno ammesso che serviranno circa tre mesi prima che riesca a camminare da sola.







© RIPRODUZIONE RISERVATA