Favolacce film dei fratelli D’Innocenzo/ “La casa come luogo di disagio”, 13 nomination ai David di Donatello

- Elisa Porcelluzzi

Favolacce il film dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo. La pellicola con Elio Germano ha ottenuto 13 nomination ai David di Donatello 2021.

Favolacce Wikipedia 640x300
Il film "Favolacce" (Wikipedia)

13 nomination ai David di Donatello 2021 per il film dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo

Favolacce” è un film di genere drammatico, con la regia dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, prodotto da Agostino Saccà e Giuseppe Saccà. Nel cast di “Favolacce” troviamo Elio Germano, Tommaso Di Cola, Barbara Chicchiarelli, Giulietta Rebeggiani, Gabriel Montesi, Justin Korovkin, Max Malatesta, Aldo Ottobrino, Lino Musella, Cristina Pellegrino, Barbara Chichiarelli, Giulia Melillo, Ileana D’Ambra, Laura Borgioli, Sara Bertelà, Giulia Galiani, Enrico Pittari, Federico Majorana. In Italia è stato distribuito da Vision Distribuition. Dal 10 luglio 2021 sarà disponibile su Amazon Prime. Al centro della pellicola c’è la degradata periferia, dove l’apparente monotonia degli abitanti si mescola a segreti e peccati: “Disagio, solitudine e apprensione trovano in questa storia il loro locus primario all’interno delle famiglie. La casa è ora il nesso di intolleranza, freddezza e ansia”, hanno spiegato a Hot Corn i due registi.

Favolacce, la trama del film

Quanto segue è ispirato a una storia vera. La storia vera è ispirata a una storia falsa. La storia falsa non è molto ispirata”, è l’incipit di “Favolacce”. Bruno, interpretato da Elio Germano, è un padre padrone con i figli, dispotico con sua moglie (Barbara Nicchiarelli). Dall’altra parte c’è Amelio (Gabriel Montesi), uomo rude e ignorante che costringe Geremia, suo figlio, ad abbandonare la scuola media. Le storie delle due famiglie si incrociano e più il laccio si stringe, più le loro esistenze si degradano in un finale amaro. L’anima del film dei fratelli D’Innocenzo è già intrinseco al titolo: Se da una parte la parola “favole” rievoca il sogno, il regno dell’infanzia, la dolcezza, il finale dispregiativo “acce” tinge di nero il film. Da un lato troviamo l’incanto dell’infanzia e poi quel passaggio adolescenziale dove i sogni si infrangono e la vita appare cruda e spietata. Il filo rosso che lega le famiglie protagoniste è la scuola, frequentata dai figli.

Premi e riconoscimenti del film “Favolacce”

Il film “Favolacce” ha già conquistato numerosi riconoscimenti: l’Orso d’argento per la migliore sceneggiatura ai fratelli D’Innocenzo al Festival di Berlino 2020 e 5 Nastri d’Argento (Miglior film, Miglior produttore, Migliore sceneggiatura, Migliore fotografia e Migliori costumi). La pellicola ha vinto anche 2 Globo d’oro (Miglior regista e Miglior sceneggiatura) e 5 Ciak d’oro. Il film dei fratelli D’Innocenzo ha ricevuto 13 nomination ai David di Donatello 2021: Miglior Film, Miglior regista, Miglior produttore David Giovani, Miglior acconciatore, Miglior fonico di presa diretta, Miglior scenografo, Migliore attore non protagonista a Gabriel Montesi e a Lino Musella, Migliore attrice non protagonista a Barbara Chichiarelli, Migliore fotografia a Paolo Carnera, Migliore montatore a Esmeralda Calabria e Migliore sceneggiatura originale a Damiano D’Innocenzo, Fabio D’Innocenzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA