Felipe Melo rapinato da ladri armati/ Grande paura per il centrocampista

- Mauro Mantegazza

Felipe Melo rapinato da ladri armati: grande paura per il centrocampista del Fluminense, in auto con moglie e figli, i criminali hanno portato via la Mercedes ed oggetti personali.

felipe melo
Felipe Melo tira un pugno all'avversario Mier (LaPresse)

Felipe Melo e la sua famiglia hanno vissuto momenti di vero e proprio terrore a causa di una rapina subita mentre lasciavano Rio de Janeiro dopo la vittoria per 4-0 al Maracanã del suo Fluminense contro il Corinthians, una grande gioia sul campo per il centrocampista che in Italia conosciamo benissimo avendo giocato in passato con le maglie di Fiorentina, Juventus e Inter, dopo la partita tuttavia per tutta la famiglia di Felipe Melo è iniziato un incubo.

Il centrocampista è stato fermato e assalito da alcuni ladri: i rapinatori hanno bloccato la Mercedes di Felipe Melo mentre stava percorrendo l’importante strada carioca Avenida Brasil, hanno fatto scendere il giocatore, la moglie, i due figli e un amico che viaggiava con loro, hanno portato via l’automobile e diversi oggetti personali di valore che si trovavano a bordo di essa.

FELIPE MELO, PAURA PER UNA RAPINA IN AUTO

La paura è stata tanta anche perché i rapinatori hanno minacciato Felipe Melo e la sua famiglia essendo armati, ma possiamo dire che c’è stato il lieto fine almeno per quanto riguarda l’aspetto più importante. Tutti i protagonisti della brutta vicenda infatti fortunatamente stanno bene, a parte il più che comprensibile shock dovuto a una vicenda così traumatica. Tutti sono potuti ritornare sani e salvi a casa, grazie anche all’intervento di una coppia che aveva assistito alla vicenda.

L’entourage di Felipe Melo ha voluto sottolineare l’importanza dell’intervento di queste persone parlando di questa rapina con i media locali, di certo questo è stato un incubo che si ripete per il centrocampista brasiliano, dal momento che già alcuni mesi fa Felipe Melo aveva subito una rapina in una delle sue case in Brasile, nella quale gli erano stati sottratti gioielli e contanti.







© RIPRODUZIONE RISERVATA