Francesca Michielin e Fedez, “Chiamami per nome”/ Lui “effetto Ferragni non c’era!”

- Dario D'Angelo

Francesca Michielin e Fedez in gara nella serata finale del Festival di Sanremo 2021: secondo posto. Oggi nello speciale di Domenica In

francesca michielin fedez sanremo 2021 640x300
Francesca Michielin e Fedez a Sanremo 2021

Fedez e Francesca Michielin sono i secondi classificati al Festival di Sanremo 2021 con “Chiamami per nome”. “Io emozionatissimo? E’ l’Ariston! Era la mia prima volta”, ha commentato Fedez rispondendo a Mara Venier nel corso dello speciale di Sanremo. “Alle prove generali ero terrorizzato!”, ha ammesso il rapper. “Quell’emozione ha colpito tutti”, ha spiegato Mara Venier. Francesca Michielin lo ha sorretto “con tanta meditazione e sedute psicologiche”, ha scherzato. Fedez è stato con la sua terapista su Skype facendosi seguire fino alla fine della kermesse.

Francesca ha spiegato come mai ha tagliato i capelli: “Volevo donarli ad una associazione per donarli alle donne che li hanno persi a causa del cancro, erano molto lunghi e quindi potevo farlo”, ha spiegato, conquistando l’applauso dei giornalisti presenti nel teatro. La Barra ha difeso Chiara Ferragni sulla difesa della moglie: “L’effetto Ferragni non c’era, hanno stravinto i Maneskin!”. “A me Federico ha dato la forza di essere fragile”, ha chiosato Francesca Michielin. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Fan sfrenati “Podio”

Francesca Michielin e Fedez tornano sul palco dell’Ariston in occasione della serata finale del Festival di Sanremo con “Chiamami per nome” ma, questa volta, senza il nastro che li ha divisi nelle prime due esibizioni. Si tengono per mano e alla fine si abbracciano, abbattendo quella distanza tenuta finora in modo simbolico. E mentre si esibiscono, da casa Chiara Ferragni lancia numerosi appelli ai suoi follower: “Votate Fedez e Francesca al televoto!” Anche il piccolo Leone, figlio di Fedez e Chiara, invita il pubblico a casa a votare “per il papà” in un dolcissimo video che sta già avendo un grande successo. Proprio il televoto potrebbe portare il duo a scalare molte posizioni in classifica questa sera. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Francesca Michielin e Fedez alla finale di Sanremo 2021

Francesca Michielin e Fedez al Festival di Sanremo 2021: questo binomio inedito cerca la sorpresa nella serata finale della kermesse. I due interpreti anche ieri sono saliti sul palco del Teatro Ariston senza fare nulla per nascondere l’emozione di tornare a cantare dopo un anno così difficile per tutti i musicisti. Alla Michielin sono toccate le parti vocalmente più estese, mentre a Fedez, accompagnato dall’autotune, sono state destinate le parti con tonalità più basse. Un’esibizione, la loro nella serata di venerdì, che non ha aggiunto particolari motivi di interesse rispetto al brano “Chiamami per nome” rispetto a quelli già sortiti nelle precedenti apparizioni. In un certo senso l’impressione è che chi apprezza questa canzone lo abbia già fatto dalla prima serata, subito dopo il primo ascolto. Allo stesso modo è difficile che i critici nei confronti del duo si ricredano dopo la performance di ieri sera.

Francesca Michielin e Fedez: sarà rimonta grazie al televoto?

Dopo quattro serate si può dire che l’andamento della coppia composta da Francesca Michielin e Fedez sia stato al di sotto delle attese in questo Festival di Sanremo 2021. I due, infatti, erano accreditati tra i grandi favoriti della vigilia, e anche i bookmakers quotavano molto bassa una loro possibile vittoria nella kermesse. Con la finale di Sanremo la cantante e il rapper invece sono soltanto diciassettesimi in classifica su un parterre composto complessivamente da 26 Big in gara. Certo, nella finale di oggi entra in gioco il televoto, e il forte seguito che sia Francesca Michielin sia Fedez possono vantare è un fattore di cui tenere conto. Difficile, però, ipotizzare che una possibile – se non addirittura probabile – rimonta del duo riesca a ribaltare del tutto una graduatoria che per il momento è frutto delle votazioni espresse sì da orchestra e sala stampa, ma anche dalla giuria demoscopica, ovvero un campione di 300 persone selezionate tra abituali fruitori di musica e dunque almeno in parte rappresentativo dei gusti del pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA