Francesco Sarcina e i presunti messaggi hot/ “Brava, sei tutta da punire…”

- Stella Dibenedetto

Francesco Sarcina, spuntano i presunti messaggi hot di cui ha parlato l’ex moglie Clizia Incorvaia. Dagospia svela le chat: “brava, sei tutta da punire…”.

Clizia Incorvaia e Francesco Sarcina
La coppia Clizia Incorvaia e Francesco Sarcina

La fine del matrimonio di Francesco Sarcina e Clizia Incorvaia continua a far discutere. Se Francesco Sarcina ha deciso di restare in silenzio non aggiungendo altro alle dichiarazioni già fatte, Clizia Incorvaia che, ai microfoni di Live – Non è la D’Urso, si è lasciata andare a confessioni scottanti parlando di presunti messaggi hot che il leader de Le Vibrazioni avrebbe inviato ad alcune ragazze sui social. “Mandava messaggi a miliardi di ragazze chiedendo materiale pornografico in cambio”, ha detto nella sua prima intervista ai microfoni di Barbara D’Urso. Nella seconda partecipazione alla trasmissione di canale 5, Clizia Incorvaia ha aggiunto: “io ho tutte le chat che lui si scriveva con le ragazze sui social, e dopo la mia intervista sono stata invasa dalle telefonate di ragazze che hanno avuto relazioni più o meno lunghe con lui”. Oggi, l’argomento, torna d’attualità per uno scoop di Dagospia.

FRANCESCO SARCINA, DAGOSPIA SVELA I PRESUNTI MESSAGGI HOT

I presunti messaggi hot che Francesco Sarcina inviava sui social esisterebbero davvero? A rispondere a questa domanda è Dagospia pubblicando alcune chat bollenti del cantante. Tra i messaggi, ci sarebbe: “Brava sei tutta da punire… dammi il tuo numero che te lo dico a voce…”. Un altro messaggio reso noto da Dagospia è: “Femmina bella… apri le gambe e dimmi quando ci si può vedere”. Questi messaggi potrebbero fare parte degli screenshot di cui ha parlato Clizia Incorvaia e che le sarebbero stati inviati dalle ragazze che hanno chattato con l’ex marito.Clizia Incorvaia, dunque, continua a portare avanti la sua battaglia contro Francesco Sarcina che l’ha accusata di averlo tradito con Riccardo Scamarcio. Come risponderà il cantante? Resterà in silenzio o replicherà smentendo l’esistenza di queste chat? Ai posteri la sentenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA