Gianluca Scamacca, arrestato il nonno 62enne/ Minacce con coltello in un bar

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ stato arrestato il nonno di Gianluca Scamacca, il 62enne Salvatore: in un bar ubriaco ha minacciato un uomo con un coltello

gianluca_scamacca_sassuolo_primavera_lapresse_2017
Video Messico Italia U20, Mondiali gruppo B (Foto LaPresse)

Ancora guai per il giocatore Gianluca Scamacca, o meglio, per la famiglia dello stesso. Come riferito nelle scorse ore da numerosi organi di informazione online, a cominciare da Il Corriere della Sera, il nonno del 22enne attaccante del Sassuolo e della nazionale italiana sarebbe stato arrestato a seguito di una lite. Si tratterebbe precisamente del signor Salvatore, di anni 62, fermato dalla polizia nella giornata di venerdì della settimana scorsa in quel di Serpentera, a Roma. In base alla ricostruzione fornita dal quotidiano di via Solferino, il nonno del giocatore sceso in campo soltanto pochi giorni fa con l’Italia nella sfida contro l’Irlanda del Nord a Belfast, avrebbe litigato con un uomo, per poi entrare nel bar del quartiere con tanto di coltello e ubriaco, per cercare la persona con cui aveva avuto l’alterco.

Vistosi entrare l’uomo armato, il titolare del locale, un bar che si trova in via Don Giustino Maria Russolillo, ha avvertito immediatamente la polizia che è intervenuta pochi minuti dopo: il 62enne nonno di Scamacca avrebbe reagito agli agenti, prima di venire disarmato e quindi ammanettato con le accuse di minacce e resistenza pubblico ufficiale.

GIANLUCA SCAMACCA, NONNO ARRESTATO: A MAGGIO FU LA VOLTA DEL PADRE

Soltanto pochi mesi fa, a maggio 2021, a salire alla ribalta delle cronache era stato il papà del calciatore, il 45enne Emiliano Scamacca, che era stato arrestato in quel di Trigoria per essersi presentato al centro di allenamento della Roma danneggiando lampioni e auto parcheggiate, pare con una spranga, e rivendicando il pagamento di una somma di denaro. In quell’occasione, dopo qualche giorno di silenzio, l’ex giocatore del PSV Eindhoven, con un passato nelle giovanili giallorosse, aveva dichiarato: “Sono rimasto molto scosso da tutto ciò che è successo e ho letto. Davvero non so spiegarmelo. Mio padre non ha mai avuto a che fare con la gestione della mia carriera, tantomeno negli ultimi anni”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA