Gianluigi Nuzzi e il parente misterioso Soliti Ignoti/ Somiglianza impressionante…

- Silvana Palazzo

Gianluigi Nuzzi e il parente misterioso ai Soliti Ignoti: una somiglianza impressionante con il popolare conduttore di Quarto Grado

gianluigi nuzzi parente soliti ignoti 640x300
Gianluigi Nuzzi e il parente misterioso dei Soliti Ignoti

La nuova puntata dei Soliti Ignoti di oggi non ha infiammato i social solo per la presenza di Gianluca Fru e Ciro Priello dei The Jackal. I due sono molto amati, è vero, e le reazioni social lo hanno confermato. Ma non è passata inosservata una somiglianza particolare tra il parente misterioso e un popolare conduttore televisivo, nonché giornalista e scrittore. Ci riferiamo a Gianluigi Nuzzi, che forse a quest’ora avrà il telefonino pieno di notifiche di amici e parenti che hanno pensato che ci fosse lui al programma di Amadeus. In effetti, la somiglianza tra l’uomo che ha partecipato alla trasmissione e Nuzzi è a dir poco impressionante. Solo qualche dettaglio riesce a far distinguere i due, ma in effetti se fosse stato il parente misterioso del conduttore di Quarto Grado nessuno si sarebbe stupito. Invece Gianluigi Nuzzi pare abbia trascorso la giornata sul Lago Maggiore, stando a quanto riportato dallo stesso nelle sue Instagram Stories.

GIANLUIGI NUZZI E LA CICATRICE SUL VOLTO

Ecco, il parente misterioso non ha la cicatrice che compare invece sul volto del conduttore, nello specifico sul lato destro. Si tratta della conseguenza di un incidente in cui è stato coinvolto. Gianluigi Nuzzi aveva 29 anni e come raccontato a Visto nel 2017 era in vacanza a Paros, in Grecia. Era l’agosto del 1998. «Stavo andando in motorino per raggiungere la spiaggia, quando ho avuto uno scontro frontale con una jeep. Ricordo un dolore tremendo e poi lunghi mesi in ospedale», disse lo scrittore. Poi a proposito della ferita: «Il mio viso non è più tornato quello di prima, ma ho imparato ad accettarlo». Tuttora Nuzzi ricorda con emozione quel terribile episodio che ha segnato la sua vita, ma non con dolore. «C’è anche l’orgoglio di aver superato le paure». Invece in un’intervista a Ok Salute disse: «Hanno fatto tutti un ottimo lavoro, ma l’incidente era stato così violento da rendermi irriconoscibile. Quando è venuta a trovarmi mia sorella Lucia è finita in terra svenuta».



© RIPRODUZIONE RISERVATA