Gianna Nannini/ La sua compagna Carla gelosa de Il Volo? “Loro dei fighi pazzeschi”

- Emanuele Ambrosio

Gianna Nannini ospite a House Party duetta sulle note di Meravigliosa creatura con il Volo: “portano avanti la traduzione italiana verso il futuro”

Gianna Nannini
La cantautrice Gianna Nannini

Gianna Nannini non pensa alla sua compagna Carla in questa replica di House Go. La cantante, in compagnia de Il Volo e di Michelle Hunziker, si complimenta coi tre tenori per le loro qualità artistiche ed estetiche. Per lei sono dei veri e propri idoli, oltre che dei gran bei ragazzi: “Io li seguo da sempre”, ammette. “Oltretutto penso che siano dei fighi pazzeschi, io li seguo da sempre”. , ribadisce l’artista toscana. Chissà come la sua compagna Carla avrà reagito a questi complimenti riservati a Il Volo. Duranta l’ospitata Gianna Nannini si esibisce con il celebre pezzo Meravigliosa Creatura. Un brano che apparentemente sembra una canzone d’amore, ma in realtà sembra che sia dedicata alla voglia di maternità. Profonda ed intensa come sempre… (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

Gianna Nannini ospite di House Party

Gianna Nannini è tra gli ospiti della puntata di “House Party” trasmessa in replica martedì 7 luglio 2020 in prima serata su Canale 5 e condotta da Michelle Hunziker e i tre tenori de Il Volo. Un appuntamento da non perdere per i tantissimi fan della rocker senese che potranno rivedere la bellissima performance della loro beniamina con i tre tenori de Il Volo. Dopo un simpatico siparietto con Michelle Hunziker impegnata a trovare l’anima rock dei tre ragazzi nati nel programma “Ti lascio una canzone”, ecco poco dopo arrivare sul palco Gianna Nannini per cantare uno dei suo classici di repertorio: “Meravigliosa creatura”. Questa volta però la canzone è stata impreziosita dalla voce dei tre ragazzi de Il Volo con cui la Nannini si è complimentata sottolineandole non solo la bravura, ma anche il grande talento. “Io sono innamorata di loro, sono uno più figo degli altri. Sono ragazzi che portano avanti la traduzione italiana verso il futuro e noi di tradizione ne abbiamo tantissima” ha detto la rocker a fine esibizione parlando proprio de Il Volo.

Gianna Nannini: “Il mio sogno era cantare”

Intanto proprio in questi giorni Gianna Nannini è tornata in tv a parlare di sè. La rocker, infatti, si è raccontata nel salotto di Mara Venier a Domenica In dove ha rivelato un retroscena inedito sulla sua carriera: “il mio sogno era cantare, scrivere le mie canzoni, ma soprattutto andare in America e cercare qualcuno che mi producesse. Ma come potevo farlo senza sapere un mestiere?”. Un sogno che è cominciato da lontano quello della Nannini che decise così di cominciare a lavorare come operaia in una fabbrica di ricciarelli. Una breve esperienza di lavoro che si concluse però con un incidente, visto che la Nannini ha raccontato di aver perso due falangi con una delle macchine. ”È stato l’inizio della mia voce rock, perché con un dolore così, con l’urlo, ti viene la voce rock” ha però raccontato la cantante scoperta da Mara Maionchi. Una carriera unica e straordinaria quella della Nannini che ha inanellato un successo dietro l’altro arrivando anche a cantare l’inno italiano dei Mondiali di Calcio del 1990 dal titolo “Notti Magiche”. Un brano entrato nella memoria collettiva di tutti noi, anche se la Nannini ha confessato: “non la volevo fare, non volevo scrivere l’inno dei mondiali, non volevo questa responsabilità e quindi ho chiamato Edoardo Bennato per non farla da sola. Poi con gli anni ho capito che non era più una canzone mia, ma era un inno di tutti e quindi va bene così”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA