Giovanni Junior D’Ambrosio, Il Collegio 6/ La Petolicchio ha fallito?

- Matteo Fantozzi

Giovanni Junior D’Ambrosio vive a Il Collegio 6 un momento molto complicato dopo l’uscita di scena del suo amico fraterno Simone Casadei. Cosa ha fatto la Petolicchio?

giovanni junior dambrosio 2019 rai 640x300
Giovanni Junior D'Ambrosio

Giovanni Junior D’Ambrosio, dopo l’uscita del suo amico fraterno Simone Casadei, si è mostrato decisamente preso dallo sconforto a Il Collegio 6. Infatti, durante la lezione con la rientrante professoressa Petolicchio è stata proprio quest’ultima a notare qualcosa che non andava. Vista la situazione, l’insegnante ha voluto regalare dei confetti nel tentativo di portare il morale del ragazzo leggermente più su. Il tentativo però non è stato dei migliori, al punto che a fine lezione ha scelto di convocarlo da solo alla cattedra per cercare di aiutarlo.

Assodato il malcontento per l’espulsione dell’amico, la professoressa ha cercato di spiegargli quanto questo dovesse rivelarsi uno stimolo per un suo miglioramento. Secondo la Petolicchio l’influenza di Casadei è stata principalmente negativa, sia dal punto di vista del profitto che del comportamento. Per questa ragione, ha spronato Giovanni a trovare la chiave per portare avanti nel migliore dei modi il suo percorso, mirando all’obiettivo di rendere fiero il defunto padre ottenendo il diploma.

Il Collegio 6, Giovanni Junior D’Ambrosio torna a sorridere con la partita

Gli animi si sono accesi nel momento della partita tra professori e studenti a Il Collegio, occasione anche per Giovanni Junior D’Ambrosio per tornare a sorridere in maniera spensierata. Appena terminato l’incontro, si è subito reso partecipe dell’ennesima marachella; il ragazzo infatti, insieme ad altri collegiali, si è reso protagonista di un vero e proprio furto di pomodori. Una volta scoperto tutto, il preside si è limitato a punirli imponendogli di pelare cipolle e pomodori per il pranzo. Il momento decisivo è arrivato quando c’era da dimostrare tutta la voglia di andare avanti dal punto di vista didattico. Il giovane napoletano contava diverse insufficienze, e i tentativi di recuperare attraverso interrogazioni e compiti a tappeto si è rivelato vano.

In ogni materia ha collezionato unicamente brutte figure, con i compagni che hanno cercato di suggerire in ogni modo per supportarlo. Alla fine, il preside ha deciso di temporeggiare sulla decisione di assegnare oppure no la cravatta rossa, ancora indeciso sul destino del ragazzo. Per quanto riguarda i rapporti all’interno del collegio, è indubbio che con Simone Casadei avesse creato un vero e proprio rapporto di fratellanza, appunto da accusare duramente il colpo della sua eliminazione. Al momento non sembra essere entrato in una sintonia particolare con nessuno degli altri partecipanti. I giudizi social invece vanno verso una direzione positiva, sopratutto in virtù della sua simpatia e del suo passato difficile. In ogni caso, molti si aspettano un cambiamento positivo anche dal punto di vista del rendimento e del comportamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA