I Gemelli di Guidonia/ “Impressionati dai Neri per caso, Fiorello? Padre artistico”

- Emanuela Longo

I Gemelli di Guidonia ospiti di Francesca Fialdini a Da Noi a ruota libera hanno raccontato i loro esordi e l’incontro con Fiorello, loro “padre artistico”

gemelli guidonia da noi a ruota libera 640x300
I Gemelli di Guidonia, Da noi a ruota libera

Da Tale e Quale Show a Da Noi a Ruota Libera: i Gemelli di Guidonia sono stati oggi ospiti di Francesca Fialdini nella trasmissione della domenica pomeriggio di Rai1. Pacifico, Gino ed Eduardo Acciarino sono fratelli, non gemelli, e neppure di Guidonia ma napoletani: “Due terzi vive a Guidonia”, hanno spiegato, mentre il terzo fratello vive a Roma.

Nel varietà di Carlo Conti per due volte sono arrivati primi in classifica: “Abbiamo già vinto la nostra classifica personale”, hanno dichiarato. I tre fratelli si sono trasferiti a Guidonia da piccoli per via del lavoro del padre. “Se litighiamo? Può capitare ma sono sempre discussioni molto passeggere ma ultimamente non abbiamo tempo per farlo. Siamo molto amici tra noi tre, condividiamo tutto, anche le amicizie”, hanno svelato. I Gemelli di Guidonia hanno quindi raccontato i loro esordi: “eravamo molto piccoli. Avevamo una tastierina a casa che suonava papà. Riproducevo ad orecchio quello che ascoltavo, le canzoni dei cartoni animati, il mio gioco era ascoltarle e riprodurle. Gino ha iniziato a far emergere la voce ed io lo accompagnavo”.

I Gemelli di Guidonia e l’incontro con Fiorello

Nella metà degli anni Novanta, I Gemelli di Guidonia sono rimasti impressionati da I Neri per Caso: “abbiamo iniziato ad imitarli e abbiamo capito che avevamo orecchio musicale”. Loro si definiscono i re dei medley: “una delle prime cose è stata giocare con le canzoni che riguardano il tempo. In un minuto abbiamo messo insieme tutte le canzoni italiane che parlano del tempo”, hanno dichiarato, dimostrando poi ciò che riuscivano a fare davvero.

Fondamentale nella loro carriera è stato poi ovviamente l’incontro con Fiorello: “Lui ci ha ribattezzato perché avevamo un altro nome che non diremo per vergogna”. Il nome in questione era ‘Effervescenti naturali’, poi cambiato su idea di Fiorello in “I Gemelli di Guidonia”. “Lui ci tiene a noi, ci sentiamo spesso e ci segue a Tale e Quale Show”, hanno dichiarato parlando ancora di Fiorello, “ci dà consigli e il sabato ci fa la rassegna telefonica. E’ il nostro padre artistico”. Oltre a fare radio e ad essere protagonisti di Tale e Quale Show, il trio esordirà a dicembre anche a teatro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA