INCIDENTE FASANO, IL VIDEO CHOC/ Auto contromano poi il frontale: morti 2 anziani

- Davide Giancristofaro Alberti

Una coppia di anziani è morta stamattina sulla SS16 in quel di Fasano: stavano percorrendo la strada nel senso opposto di marcia

incidente fasano 2021 yt 640x300
Incidente Fasano, il video choc (Screen Youtube)

Terribile incidente mortale avvenuto nella giornata di ieri, venerdì 30 aprile 2021, in quel di Fasano, lungo la strada statale 16 Brindisi-Bari. Una coppia di anziani, fratello e sorella, è deceduta dopo che l’auto su cui viaggiavano ha imboccato la SS16 contromano: dopo qualche centinaia di metri i due si sono scontrati frontalmente con una Mini che procedeva, regolarmente, nell’opposto senso di marcia, e l’impatto violentissimo non ha lasciato loro scampo. In rete è apparso il video del pauroso incidente mortale di Fasano, ripreso da un camionista che stava viaggiando sull’altra corsia, e che accortosi dell’auto che procedeva contromano ha provato a suonare ripetutamente il clacson avvisando gli automobilisti.

Nel filmato si vede la piccola Hyundai con a bordo i due anziani (il 75enne Domenico Girolamo e l’80enne Paolantonia, residenti entrambi ad Alberobello) che procede contromano, poi ad un certo punto si accorge che un’auto le sta venendo addosso di conseguenza rallenta, ma l’impatto è inevitabile. Alla guida della Mini vi era un 20enne originario di Bari che è stato trasportato all’ospedale Perrino in codice giallo, e che non ha riportato nessuna ferita grave (un trauma commotivo e la frattura di un gamba), mentre diverso è stato l’esito per i due anziani. Dell’auto contromano era stata allertata anche la polizia stradale ma non ha fatto in tempo a recarsi sul luogo segnalato. In fondo a questa pagina il video del terribile incidente (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

INCIDENTE FASANO: ANZIANI CONTROMANO SULLA SS16, MORTI SUL COLPO, FERITA UNA 20ENNE

Tragico incidente stradale avvenuto questa mattina in Puglia, precisamente sulla strada statale 16, quella che collega Brindisi a Bari e viceversa: due anziani sono morti a seguito di un impatto frontale. L’episodio, come riferito dai colleghi dell’agenzia Adnkronos, si è verificato di preciso nel tratto Monopoli-Fasano, e vede la pesante responsabilità delle stesse vittime, che hanno infatti imboccato la statale contromano, percorrendola nell’opposto senso di marcia. I due erano a bordo di una Hyundai e sono finiti violentemente contro una Mini Cooper su cui viaggiava una ragazza di 20 anni: questa stava superando un’auto quando si è trovata improvvisamente di fronte il veicolo dei due anziani.

Purtroppo la ragazza non ha potuto evitare il frontale, e l’urto violentissimo ha ucciso pressoché sul colpo gli occupanti la Hyundai. Ferita non in maniera grave la 20enne, anche se visibilmente sotto choc e trasportata in codice giallo presso l’ospedale Perrino di Brindisi. L’auto guidata dalla coppia di anziani era stata avvistata anche da un camionista sulla corsia opposta, la carreggiata Sud, e questi ha provato ad avvisare i conducenti della presenza appunto di una vettura che procedeva in senso opposto, ma non è bastato.

INCIDENTE A FASANO, DUE MORTI ANCHE NEL BRESCIANO

Sul posto si sono recati gli uomini della polizia stradale nonché i vigili del fuoco e ovviamente gli uomini del 118 che però non hanno potuto fare nulla se non constatare il decesso dei due coniugi. Da segnalare purtroppo altri due incidenti mortali nel bresciano, a cominciare da uno avvenuto la notte scorsa, alle ore 4:00, lungo l’autostrada A4, quella che da Milano porta a Venezia. Alle ore 7:00, invece, è morto un 50enne dopo un frontale avvenuto a Rezzato. Per quanto riguarda il primo sinistro, l’episodio si è verificato fra Desenzano e Brescia Est, e sembra che il conducente di un’auto sia stato investito anche se le dinamiche non sono ancora certe. Per quanto riguarda lo scontro di Rezzato, invece, si tratta di un frontale fra auto e camion in cui oltre alla vittima di 50 anni sono rimasti coinvolti anche un 24enne un 54enne, entrambi feriti ma non in condizioni gravi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA