INFLAZIONE +8%/ Il traino dell’energia pronto a portare verso nuovi rialzi

- Ugo Arrigo

L’inflazione a giugno ha fatto segnare una crescita tendenziale dell’8%. Il trend rialzista sembra destinato a non cessare in tempi brevi

Portafoglio Euro Pixabay1280 640x300
Pixabay

In base ai dati provvisori del mese di giugno, appena resi noti dall’Istat, la corsa dell’inflazione sta proseguendo secondo sentieri di crescita che non si vedevano dagli anni ’80. Dopo il 6% tendenziale dello scorso aprile, il tasso di crescita calcolato sui 12 mesi precedenti era salito al 6,8% in maggio e ora si attesta su un 8% tondo, un numero che non si manifestava sullo scenario economico italiano dall’inizio del 1986.

Tuttavia, all’epoca il percorso era di riduzione e non di crescita del fenomeno inflattivo e i salari erano ancora protetti, seppur solo in parte, dall’indicizzazione automatica della scala mobile. Quel meccanismo, da un lato, alimentava la spirale prezzi-salari, ma, dall’altro, proteggeva i bilanci familiari da cadute troppo brusche del potere d’acquisto, come si verifica invece nel caso attuale.

Sulle cause di quanto sta avvenendo occorre ripetere quanto già ricordato il mese scorso: gli elevati aumenti dei prezzi dei beni energetici, avviati nella seconda metà dello scorso anno e accentuati nella prima parte dell’anno in corso in parallelo con la crisi geopolitica russo-ucraina, hanno proseguito il loro effetto di traino propagandosi sempre più attraverso costi di produzione crescenti sugli altri comparti merceologici. I beni energetici non interessano, infatti, solo i consumatori finali, ma sono anche un essenziale bene intermedio nei processi produttivi industriali, nella trasformazione dei beni agroalimentari, nei trasporti e nell’intermediazione commerciale.

I principali dati resi noti dall’Istat sulla dinamica dei prezzi sono i seguenti:

Secondo le stime preliminari dell’Istat in giugno l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività nazionale (NIC), che include i tabacchi, ha registrato un aumento dell’1,2% sul mese di maggio (contro un aumento dello 0,9% nel mese precedente).

– Poiché nel mese di giugno 2021 la variazione mensile dell’indice fu solo dello 0,1%, l’ incremento ora avvenuto ha portato il tasso tendenziale all’8,0% dal 6,8% di maggio. Esattamente un anno fa, a fine giugno 2021, il tendenziale era ancora all’1,3%. Da allora si è moltiplicato per più di sei volte. – Il tasso tendenziale relativo al cosiddetto carrello della spesa, l’insieme degli acquisti a elevata frequenza delle famiglie, si è portato all’8,3%, un dato che non veniva battuto dal lontano gennaio 1986, quando fu dell’8,6%.

L’inflazione di fondo, che è calcolata al netto delle componenti più ballerine dei beni energetici e degli alimentari freschi, è passata dal 2,4% di aprile al 3,2% di maggio e al 3,8% di giugno.

L’inflazione acquisita per il 2022, dunque il dato medio annuo che si avrebbe se l’indice dei prezzi restasse fermo sul livello di giugno per tutta la seconda metà dell’anno, è pari al 6,4% per l’indice generale dei prezzi e al +2,9% per la componente di fondo.

Anche l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA), che si utilizza per i confronti nell’area Euro in quanto costruito con metodologia uniforme per tutti i Paesi, ha registrato un aumento mensile dell’1,2%, ma con dato annuo dell’8,5%, dunque mezzo punto in più rispetto all’indice italiano NIC.

– Questo dato è simile a quello dell’Euro Area, reso noto dall’Eurostat e pari all’8,6%. Al suo interno alcuni Paesi stanno già registrando un’inflazione a doppia cifra (Grecia con +12% su base annua, Belgio 10,5%, Spagna 10%) o comunque superiore al 9% (Olanda, Irlanda e Portogallo). Sono invece pochissimi quelli con un tasso inferiore alla media: Germania 8,2%, in calo peraltro; Finlandia 8,1% e Francia solo 6,5%.

Grafico 1 – Prezzi al consumo in Europa (Tassi di variazione % sullo stesso mese dell’anno precedente)

Osservando invece l’inflazione italiana in maniera più disaggregata troviamo conferma come siano ancora una volta i prezzi dei beni energetici ad aver trainato il dato complessivo. Il loro tendenziale è stato in maggio del 42,6%, mentre in giugno è salito al 48,7%, derivante da un tendenziale del 64,3% per gli energetici regolamentati (stabile rispetto al mese precedente dato che il loro prezzo viene rivisto ogni trimestre) e del 39,9% per gli energetici liberi (in rialzo di sette punti percentuali rispetto al mese precedente).

Al di fuori dell’energia gli altri comparti conservano tassi annui di crescita ancora a una sola cifra, ma tutti con valori in aumento, segno che l’inflazione energetica sta proseguendo nel diffondere i suoi effetti:

Gli alimentari vedono il loro tendenziale in crescita di un punto, dal 7,1% all’8,8%, con gli alimentari lavorati all’8,2% dal 6,6% precedente  e i non lavorati al 9,6% dal 7,9% precedente.

– Gli altri beni, dunque non alimentari né energetici, sono meno dinamici, ma anch’essi si caratterizzano per tassi in crescita:  quelli durevoli salgono dal 2,6% al 2,9%, i non durevoli dal 2,3% al 2,9%, infine i semidurevoli dall’1,8% al 2%; nel loro insieme gli altri beni salgono al 2,6% dal 2,3% precedente.

– Infine i servizi salgono al 3,4% dopo il 3,1% di maggio.

Non vi è dubbio come queste tendenze siano destinate a proseguire anche nei prossimi mesi e che un segnale positivo sarebbe indubbiamente dato dalla loro decelerazione.

Grafico 2 – Prezzi al consumo in Italia (Tassi di variazione % sullo stesso mese dell’anno precedente)

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA