JONNY KAPLAN/ Dal vivo al Garage Beer di Segrate l’icona del folk-rock americano

- Angelo Oliva

Grande voce, belle  canzoni, forte presenza scenica ma, soprattutto, grande umiltà e grande autenticità. Jonny Kaplan è un’artista fuori dal tempo

jonny kaplan
Jonny Kaplan

Riuscire a vivere, anche solo per una sera, il sogno americano degli anni ’70 è davvero raro. Ma lo è altrettanto trovare un artista caratterizzato da una cristallina coerenza tra la sua espressività artistica ed il suo stile di vita. In Jonny Kaplan, icona del Rock-Folk americano, questa indissolubile commistione tra l’essere e la musica, tra filosofia da novello hippie e sogno Americano, è colta nella sua interezza. 

Le sue canzoni e le sue sonorità, viaggiando dalle radici ai classici del rock, riescono a trasportarci nel mondo del mito a “Stelle e Strisce”. Un viaggio che potremmo fare Domenica 26 maggio 2019, alle ore 18:00 in occasione del suo “Italian Acoustic Tour”, in cui Jonny Kaplan presenterà al Garage Beer di Segrate (MI) con ingresso libero, la sua visione di “Sixties Dream”.

Spesso paragonato a Gram Parsons (tra i fondatori del genere Country-Rock, fine degli anni ‘70 e l’inizio degli anni ’90 e riferimento per molti cantautori della scuola Alternative Country negli anni ‘90), Jonny Kaplan ha saputo rendere omaggio ai padri del Country ed ai “mostri” sacri degli anni ’60 e ’70, Dylan e Rolling Stones su tutti. Allo stesso tempo, ha saputo conferire un’impronta speciale al proprio sound, caratterizzandolo con linee melodiche pregevoli, intrecci di chitarre originali e da un cantato di grande impatto emotivo, inserendosi a pieno titolo nel “Gotha” della scena artistica Americana.

Jonny, inizia la sua carriera facendo concerti con gli ex-Whiskeytown Caitlin Carey e Skillet Gilmore, quando Ryan Adams ha abbandonato questa seminale band dell’Alternative Country, per iniziare una carriera solista stellare. Suona con i “Sin City All Stars” partecipando al leggendario Tribute Show dedicato a Gram Parsons immortalato nel dvd “Return To Sin City”, dove sul palco si succedono personaggi come Steve Earle, l’idolo del country Dwight Yoakam, Lucinda Williams (cantautrice e grande amica di Jonny), fino allo storico duetto Keith Richards – Norah Jones. Jonny Kaplan, nel corso della sua carriera, ha condiviso il palco con Ben Harper, Wilco e Phil Lesch and Friends, Foo Fighters e molti altri.
Nette le sue influenze musicali, da Gram Parsons ai Rolling Stones, da Neil Young, Tom Petty ed i Black Crowes. Nei suoi dischi suonano musicisti provenienti dai Blind Melon, dai Byrds, dai Flying Burrito Brothers, dalla Lucinda Williams Band, dai Pearl Jam e dai Foo Fighter. 

Quattro dischi all’attivo: California Heart (1997), Ride Free (2005), Seasons (2008) e “Sparkle & Shine”  (2013) che, a fronte di una parsimoniosa produzione, Jonny ha da sempre abbinato ad un’attività live frenetica in giro per il mondo.

“California Heart”, sembra uscito da una session dei Flying Burrito Brothers.
Mentre “Ride Free” è un disco di Rock con molto Rolling Stones sound, quelli di Sticky Fingers per intenderci, dov’è più presente l’influenza di Gram Parsons. Ride Free è in perfetto stile Easy Rider.
L’ album “Seasons”, presentato in anteprima europea nella primavera del 2008, ha riscosso un consenso ed un successo crescente che gli sono valsi recensioni spontanee da larga parte della stampa europea, ritrovandosi, nell’estate 2009, al 10° posto nella speciale classifica di gradimento di Euroamericana Billboard Chart, votato dai giornalisti e dai critici delle principali testate musicali del vecchio continente.
Il suo ultimo album “Sparkle & Shine”, è stato mixato dal produttore e ingegnere del suono Bruce Witkin (Hollywood Vampires, Aerosmith, Johnny Depp, Joe Perry, ecc.) e vede la straordinaria partecipazione di Rami Jaffee (Foo Fighters, The Wallflowers), la Star di Hollywood Daryl Hannah (Kill Bill, Blade Runner, ecc.), Adam MacDougall, il tastierista dei Black Crowes,  Dave Krusen (primo batterista dei Pearl Jam, album “Ten”) e Brad Smith (Blind Melon).

Grande voce, belle  canzoni, forte presenza scenica ma, soprattutto, grande umiltà e grande autenticità. Jonny Kaplan è un’artista fuori dal tempo ma, allo stesso tempo, parte di questo tempo.

Sicuramente, vale la pena vedere questo “hippie” alto e sorridente, evidentemente baciato dal sole della California, in azione su di un palco.

Quindi, se domenica 26 maggio 2019, alle ore 18:00 volete far parte di un evento musicale fuori dal comune, l’ Italian Acoustic Tour di Jonny Kaplan, al Garage Beer di Segrate, fa al caso vostro. Mi raccomando: dress code “Sixties Style”. 

Domenica 26 Maggio 2019, Ore 18:00

Jonny Kaplan “Italian Acoustic Tour” Al Garage Beer di Segrate (Mi)

Ingresso Libero

Opening Act: Gunash

© RIPRODUZIONE RISERVATA