Katia Ricciarelli esclude Miriana dalla Turandot al GF/ Il web “È bullismo”, poi…

- Anna Montesano

Katia Ricciarelli esclude Miriana Trevisan dalla Turandot al Grande Fratello Vip, poi ci ripensa ma il web reclama un intervento di Signorini: “È bullismo”

miriana trevisan katia ricciarelli 640x300
Miriana Trevisan e Katia Ricciarelli

Nelle ultime ore stanno facendo molto discutere le parole forti usate da Katia Ricciarelli nei confronti di Miriana Trevisan al Grande Fratello Vip 2021. Il web si è scagliato contro la cantante lirica, accusandola addirittura di cattiveria. Un sentimento che è stato però acuito dall’ultimo sgarro fatto dalla Ricciarelli alla Trevisan. Sabato sera nella Casa del Grande Fratello si terrà uno spettacolo organizzato proprio da Katia, la Turandot.

Per l’occasione tutti avranno una parte e quello di Miriana sarebbe stato la schiava, questo fino a quando la Ricciarelli ha deciso di escluderla dallo spettacolo. Il motivo è proprio la nomination fattale da Miriana, un “tradimento” come lei lo ha definito. Questo ha scatenato nella Casa una vera rivolta, soprattutto da parte di Sophie Codegoni che si è detta pronta a mollare tutto qualora Miriana non avesse preso parte allo show.

Katia Ricciarelli esclude Miriana Trevisan poi cambia idea ma il web attacca!

La faccenda è andata avanti così, tra chiacchiere e lacrime da parte di Miriana Trevisan, incredula che Katia fosse arrivata a tanto. Intanto sul web si è scatenata un’accesa polemica proprio contro la cantante veneta, accusata di “bullismo” nei confronti della coinquilina. In tanti si sono dunque appellati all’intervento di Signorini in diretta venerdì, altri ne hanno chiesto addirittura la squalifica immediata. Fatto sta che l’atteggiamento di Katia per Miriana è poi successivamente cambiato: proprio poche ore fa la cantante ha chiesto ad Alex di chiamarla per dirle se voleva avere una parte nello spettacolo. Un gesto che, tuttavia, non è servito a placare gli animi del popolo del web, convinto che quello della Ricciarelli sia stato un “gesto riparatore” ben poco sincero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA