Le Maître Péronilla/ Come si rideva nella Terza Repubblica (francese)

- Giuseppe Pennisi

Una preziosa registrazione di un’opera di Offenbach quasi sconosciuta: Le Maître Péronilla, finalmente su cd

Offenbach 640x300
Particolare della copertina

Si tratta di una preziosa registrazione di un’opera di Offenbach quasi sconosciuta: Le Maître Péronilla, un‘opéra bouffe in tre atti del 1878. È la prima volta che viene offerta senza tagli – in passato, alcuni dei suoi numeri musicali erano stati inclusi nelle antologie operistiche di Offenbach. È presentato in due CD inseriti in un libro a copertina rigida di 174 pagine, che include il libretto del lavoro e interessanti studi di musicologi come Alexandre Dratwicki, Gérard Condé, Jean-Claude Yon e Etienne Jardin, nonché notizie di stampa sul debutto del 1878. Si tratta di una nuova produzione di quella miniera di chicche che è il Palazzetto Bru di Venezia-Musique Romantique Francese. Al di là degli aspetti musicali consente anche di toccare con mano come si rideva (o non si rideva) nella Terza Repubblica francese.

Il libretto è del compositore insieme a Charles-Louis-Etienne Nuitter e Paul Ferrier. Il sottotitolo è La femme à deux maris; il titolo di lavoro durante la preparazione del libretto, che Offenbach aveva redatto alla fine degli anni 1860, e della composizione era stato Frimouskino, Composta a Nizza, Offenbach chiese a Nuitter e Ferrier di aiutarlo con i testi delle canzoni poiché i suoi collaboratori regolari, Meilhac e Halévy, si erano allontanati per concentrarsi su altri progetti. Presentato al Théàtre des Bouffes Parisiens, il lavoro fu tolto dopo meno di due mesi, e Le timbale d’argent di Léon Vasser tornò alle Bouffes.

Il libretto non è uno dei migliori su cui ha lavorato Offenbach; ciò è probabilmente stata una delle determinanti per la sua scomparsa dai teatri di Parigi. Si tratta di un intrigo piuttosto complicato su matrimoni con una soluzione in un tribunale. Alcune situazioni sono esilaranti; alcune non lo sono. Tuttavia, la partitura è molto raffinata, almeno alla pari con le altre operette di Offenbach e contiene anticipazioni del suo capolavoro incompleto: Les contes d’Hoffmann.

Il lavoro è uno dei tanti di Offenbach con ambientazione spagnola e con riferimenti a musica spagnola: Pépito, La Duchesse d’Albe e Les bavards. “C’è più Spagna nel cervello di Offenbach che nella Spagna stessa”, ha detto un giornalista affascinato da Maître Péronilla . Comprensibilmente, dato il fascino e l’umorismo di questa operetta in cui non meno di ventidue personaggi sono tenuti occupati in una storia d’amore assurdamente complicata. Castanetas, tamburi e triangoli allegramente punteggiano questa partitura, che moltiplica impressionanti ensemble vocali senza rinunciare a numeri intimi di grande poesia.

Si può dire che allegro con brio è l’elemento principale dei tre atti – circa cento minuti in tutto con un primo atto più lungo (quando è impostato l’intrigo della trama) e un secondo e terzo atto più brevi (quando l’imbroglio viene svelato e c’è un finale felice per tutti i personaggi).

L’atmosfera è chiara dall’introduzione. E ‘ancora più evidente dall’aria d’ingresso di Maître Péronilla, un ex avvocato e ora il principale produttore di cioccolato a Madrid. Vuole che sua figlia sia sposata con un uomo di sua scelta. Il numero musicale contiene due couplets ; il primo è cantato da Maître Péronilla(Éric Huchet), il secondo da sua figlia Manoëla (Anaïs Costans) e la conclusione di tutti i cantanti sul palcoscenico.

Molto spagnola la canzone La Malaguenia (usata da Offenbach in altre opere dopo la scarsa accoglienza di Le Maître Péronilla al Théàtre des Bouffes Parisiens). È cantata da Chantal-Santon-Jeffrey nel ruolo di Alvarès, l’amante di Manoëla, tutti i personaggi, ed il coro si uniscono. Semplicemente affascinante il rondeau di Antoinette Dennefeld nel ruolo di Frimouskino (uno degli ideatori dell’intrigo).

La maggior parte dei cantanti sono specialisti di questo repertorio leggero (ad esempio, Eric Huchet e Loàc Félix) Il cast comprende anche un soprano noto soprattutto per i ruoli drammatici: Véronique Gens nel ruolo di Léona, una signora di 39 anni innamorata di Don Guardona, il vecchio che Maître Péronilla vorrebbe per diventare il marito di Manoëla. La signora Gens ha una ballata affascinante e molto spagnola nel primo atto. Insomma, un libro e due CD da godere o da farne un regalo elegante

 Dettagli tecnici:

JACQUES OFFENBACH Le Maître Péronilla Prima edizione numerate in 4000 esemplari- Palazzetto Bru-Zane Centre de Musique Romantique Française –New Release- Febbraio 2020-ISBN 978 84 09 15588 0 BZ 1039.V. Gens, A. Dennefeld, Ch. Santon-Jeffery, A. Constans, D. Axentii, É. Huchet, T. Chistoyannis, F. Piolino, P. Kabongo, L. Félix, Y. Dubruque, M. Lécroart, R, Brémard, J. Boutillier, Ph-N. Martin, A. Philippot, Orchestre National de France, Choeur de Radio France, Markus Poschner (conductor). Recorded at the Théâtre des Champs Élysées 31 May- 1 June 2019- Sound engineer Pierre Bornard.

© RIPRODUZIONE RISERVATA