Le pagelle/ Venezia-Chievo (0-2): i voti della partita (Serie B)

- Paolo Votino

Le pagelle di Venezia-Chievo (0-2): i voti della partita (Serie B). Grande successo del gialloblu che espugna il Penzo ottenendo i tre punti

Stepinski Capezzi Chievo Empoli lapresse 2019 640x300
Diretta Chievo Venezia (Foto LaPresse)

A Venezia grande vittoria del Chievo, che chiude il match con il risultato di due reti a zero in proprio favore: per i gialloblu si tratta del primo successo stagionale, mentre i veneziani rimangono fermi a quota 3 punti.

VOTO PARTITA 6.5
L’espulsione-lampo di Aramu sbilancia ovviamente i rapporti di forza, e a livello di spettacolo è un qualcosa che permette di godersi un match con spazi più ampi e giocato fin da subito a viso aperto.

VOTO VENEZIA 5
L’espulsione di Aramu dopo appena 4′ è destabilizzante, ma gli errori individuali sono troppi e soprattutto propiziano i due gol subiti. Giornata da dimenticare a prescindere dallo sviluppo di gioco sul quale Dionisi sta lavorando.

VOTO CHIEVO 7
Prima vittoria in un avvio di campionato difficile, in superiorità numerica i veronesi fanno valere esperienza e qualità e colpiscono al momento giusto, anche per gentile concessione degli errori avversari.

VOTO ARBITRO
Ros di Pordenone 6 – Forse l’espulsione di Aramu può sembrare a qualcuno fiscale, ma a termini di regolamento non c’è nulla da eccepire. Governa con sicurezza una partita non semplicissima, condizionata dall’episodio iniziale.

VOTI SINGOLI, VENEZIA
Lezzerini 6 – Incolpevole sui gol subiti, costretto a capitolare a causa dei brutti errori dei compagni di squadra, che invece di serrare le fila continuano a sbagliare anche con l’uomo in meno. Distrazioni fatali.
Fiordaliso 6 – Partita diligente, gioca bloccato per non scoprire ulteriormente la squadra ma non disdegna comunque di piazzare diversi traversoni dalla fascia destra.
Modolo 5.5 – Il Chievo sfonda spesso per vie centrali, commette errori meno grossolani di Cremonesi ma la prestazione non è comunque sufficiente.
Cremonesi 5 – Prestazione grossolana sulla quale pesa l’erroraccio che porta il Chievo a costruire il gol del vantaggio a fine primo tempo.
Felicioli 7 – Soprattutto nel primo tempo tiene viva l’azione dei suoi con diverse incursioni, con la sua intensità cerca di mantenere i lagunari in partita nonostante l’inferiorità numerica.
Zuculini 5.5 – Gioca sotto ritmo, non si adatta alla nuova disposizione nei primi minuti.
Di Mariano (dal 25’st) 5.5 – Non porta la svolta sperata in attacco.
Fiordilino 6 – Combattente, il Venezia riesce a tenere discretamente a centrocampo anche grazie al suo dinamismo.
Maleh 5 – Meno preciso dei compagni di reparto, si trova spesso fuori posizione e questo porta il Venezia a patire quasi una doppia inferiorità numerica nella zona mediana. Brutto il suo errore in occasione del raddoppio gialloblu.
Lollo (dal 34’st) 5.5 – SV
Aramu 3 (PEGGIORE IN CAMPO) – Fallo a palla lontana dopo 4′ su Esposito, la follia che costringe i lagunari a iniziare la partita completamente in salita. Censurabile.
Bocalon 5.5 – Partita non memorabile dal punto di vista offensivo, le sue giocate stavolta non accendono la squadra che per forza di cose gioca però ripiegata all’indietro.
Montalto 6 – Resta in avanti da baluardo offensivo, si trova spesso a fare a sportellate con i centrali avversari: la prestazione generosa ripaga almeno in parte i pochi pericoli effettivamente creati.
Corrado (dal 25’st) 5.5 – Entra quando ormai è troppo tardi.
Dionisi 6 – La sconsideratezza di Aramu lo mette in una condizione non facile, la sua squadra comunque risponde bene sul piano della tenuta e dell’intensità, cade però sui gol subiti in occasione di altri errori individuali: servono miglioramenti sul piano della concentrazione.

VOTI SINGOLI, CHIEVO
Semper 6 – Una giornata più che tranquilla, il Venezia fa harakiri affossato dai suoi tanti errori e lui fa lo spettatore non pagante per buona parte del match.
Dickmann 7 – Padrone della fascia destra, nella ripresa quando Maleh si incarta è pronto a involarsi e a servire a Djordjevic il cioccolatino che vale il raddoppio.
Cesar 6.5 – Fila liscio su tutte le chiusure difensive, si vede che è uno dei veterani del gruppo.
Vaisanen 6.5 – Il Venezia non produce molto offensivamente, lui sa metterci fisico e attenzione.
Brivio 6.5 – Sulla sinistra non corre rischi, bravo a movimentare il gioco sulla fascia quando serve.
Segre 6 – Prestazione sufficiente pur con qualche appoggio sbagliato di troppo a centrocampo.
Esposito 6.5 – Aramu lo colpisce subito a freddo e questo permette al Chievo di giocare tutta la partita in superiorità numerica. Prova importante anche per la sostanza che porta a centrocampo. Costretto a uscire nell’intervallo per un problema fisico.
Garritano (dal 1’st) 6.5 – Con le sue scorribande agevola i suoi al momento di chiudere il match.
Obi 6.5 – Porta densità nella zona mediana del campo, solito motorino inesauribile.
Giaccherini 7 – Sempre veloce, trova l’inserimento giusto sfruttando il buco difensivo veneziano e porta in vantaggio i suoi in un momento chiave, alla fine del primo tempo. Costretto a fermarsi nella ripresa per un problema muscolare.
Vignato (dall’11’st) 6 – Si muove bene negli spazi in un momento in cui il Chievo ha il match in pugno.
Meggiorini 7 – Va a nozze negli spazi che con l’uomo in meno gli avversari inevitabilmente concedono, sfrutta l’errore di Cremonesi e produce l’assist che vale il gol del vantaggio di Giaccherini.
Djordjevic 6.5 – Poco incisivo sul fronte d’attacco, volano scintille con Modolo e in generale sembra che il nervosismo gli tolga parecchia concentrazione. Nella ripresa però è al posto giusto al momento giusto quando Dickmann gli serve il pallone dello 0-2.
Rodriguez (dal 46’st) – SV
Marcolini 7 – Prima vittoria per i suoi che appaiono in crescita e sanno approfittare degli errori avversari, anche se il Venezia ha fatto di tutto per agevolare il lavoro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA