Levante e la depressione post parto/ “Vivo? L’ho scritta quando ero nel buio totale”

- Emanuele Ambrosio

Levante e la depressione post partum: la cantautrice siciliana nel suo brano "Vivo" in gara a Sanremo 2023 parla di un tema importante

Levante Sanremo2023 Instagram 640x300 Levante (Instagram)

Levante canta la depressione post partum in “Vivo” a Sanremo 2023

Levante e la depressione post partum: la cantautrice siciliana nel suo brano “Vivo” in gara al Festival di Sanremo 2023 parla di un tema importante che alcune donne hanno quasi paura ad affrontare. Dopo la nascita della primogenita Alma, la cantante è caduta nel vortice della depressione; un momento di grande difficoltà che ha deciso di condividere e raccontare in musica. “Ho scritto questa canzone a tre settimane dal parto, ero nel buio totale” ha dichiarato l’artista dalle pagine de L’Espresso precisando – “oggi il tema resta molto delicato, se ne parla in maniera troppo superficiale. È ancora tabù, come se il senso di colpa prevalesse sul dolore. Non puoi essere triste perché hai vissuto una gioia, hai avuto la fortuna di dare la vita. E invece il periodo che segue il parto è molto complicato per noi donne, devi fare i conti con un corpo che non è più tuo. È diventato una casa”.

Eppure l’idea di diventare mamma non era tra i suoi piani. Tutto è cambiato dopo l’incontro con il compagno Pietro Palumbo con cui ha avuto il desiderio di mettere su famiglia. “Prima di rimanere incinta avevo paura del parto che, invece, è stata un’esperienza meravigliosa. Ma del post parto nessuno mi aveva raccontato nulla, ed è stato buio” – ha detto dalle pagine di Grazia..

Levante: “dopo la nascita di mia figlia dovevo sentirmi utile per me stessa”

La nascita di un figlio ti cambia la vita. Lo sa bene Levante che da pochissimi mesi ha dato alla luce la prima figlia Alma. Il parto è stato un momento di immensa gioia, mentre il post partum l’ha vista cadere nella depressione. ” Subito dopo la nascita di mia figlia avevo bisogno di rimettermi a scrivere, a suonare. Avevo bisogno di sentirmi utile per me stessa, perché amo lavorare. In quel momento mi sentivo bloccata in un ruolo speciale, quello di madre, ma non mi bastava. Le emozioni oscillavano: ero felice, ma anche triste. E non bisogna aver paura di ammettere che non è solo un periodo di gioia. Succede a tante donne” ha detto la cantautrice siciliana.

Quel dolore e quelle sensazioni le ha volute immortalare in una canzone dal titolo “Vivo”: “non puoi essere triste perché hai vissuto una gioia, hai avuto la fortuna di dare la vita. E invece il periodo che segue il parto è molto complicato per noi donne, devi fare i conti con un corpo che non è più tuo. È diventato una casa”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Sanremo

Ultime notizie