Levante: “mio padre è morto quando avevo 9 anni”/ “Sanremo? Non vincerò anche se…”

- Stella Dibenedetto

Levante, ai microfoni de I Lunatici su Rai Radio2, confessa: “mio padre è morto quando avevo solo nove anni. Sanremo? Non vincerò..”.

levante 2019 tv 640x300
Levante

Levante è una delle protagoniste femminili del Festival di Sanremo 2020 più apprezzate da pubblico e critica. La cantate, a poche ore dalla finalissima della kermesse musicale che decreterà il vincitore, ai microfoni della trasmissione radiofonica I Lunatici, in onda sulle frequenze di Rai Radio2, afferma di essere tranquilla non avendo alcuna aspettativa di vittoria.”Io non vincerò, perché sebbene il pezzo stia andando benissimo, ho la sensazione che questo brano non possa essere veramente capito. E’ di impatto per le sonorità, ma non lo è nel testo. Ho la sensazione che non possa arrivare così velocemente, anche se i risultati e le classifiche dicono l’opposto di quello che sto dicendo io”, ha dichiarato l’artista che, sul palco dell’Ariston ha portato la canzone “Tikibombom”, scritta da lei. Sul brano e sul titolo, Claudia Lagona, vero nome di Lagona, dice: “Sono una giocherellona. Su un brano molto serio, abbastanza impegnato, c’è questo titolo che poteva trarre in inganno. Questo è uno dei primissimi brani in cui riesco a raccontare gli altri, perché spesso nelle mie canzoni parlo di me, delle mie esperienze, dei miei problemi sentimentali, mentre in questo caso parlo davvero a tutti”, spiega.

Levante: “ho perso papà quando avevo 9 anni. Gli uomini? Mi temono”

Schiva e riservata, Levante si mette a nudo e ai Lunatici racconta anche qualche dettaglio della sua vita che l’ha messa subito alla prova quando ha perso il padre. All’epoca, la cantautrice aveva solo nove anni e, mentre gli altri bambini giocavano, lei faceva i conti con la dura realtà. “Ho sempre avuto una positiva insicurezza. La vita mi ha abituata a non pensare ad esiti positivi. Lo so che è una cosa triste, ma voglio raccontarla. Ho perso papà quando ero piccola. Avevo nove anni. In quell’età la vita ti sorride. Poi arriva questo ceffone. E da lì sono stata abituata a vivere anche le cose belle con i i piedi ben piantati a terra. Questo l’ho proiettato su tutto quello che ho vissuto successivamente“., ha raccontato Levante. Infine, sull’amore, aggiunge: “Io credo di fare un po’ paura agli uomini. Un po’ li intimorisco. Però sono molto affettuosa, anche con gli sconosciuti. Ho un involucro ermetico, ma sono un bignè. Detto questo, ho un fidanzato attento”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA