LILIANA RESINOVICH/ Marito Sebastiano Visintin “c’è chi dovrà scusarsi”, su funerali…

- Alessandro Nidi

Caso Liliana Resinovich, fissata la data dei funerali ma corpo non sarà cremato. Il marito Sebastiano Visintin “qualcuno dovrà chiedere scusa”

liliana resinovich 2021 twitter 1 640x300
Liliana Resinovich, foto da Twitter

E’ notizia delle ultime ore quella secondo la quale sarebbero stati fissati i funerali di Liliana Resinovich. Come svela Il Piccolo, la funzione si terrà in forma privata e dovrebbe svolgersi nella Chiesa di San Giovanni Decollato nel rione di San Giovanni dove abitava Lilly. La data è fissata al prossimo martedì 25 gennaio, nella mattinata, ma come stabilito dalla procura di Trieste, il corpo non potrà essere cremato dal momento che potrebbe ancora fornire ulteriori risposte in vista di una possibile riesumazione. Intanto, spiega il quotidiano, le indagini proseguono nel massimo riserbo in attesa dei risultati degli esami tossicologici. In merito alla borsa di Liliana indossata a tracolla, il marito Sebastiano Visintin avrebbe detto di aver fissato la moglie negli occhi trascurando quel particolare.

A proposito del marito, l’uomo ha dichiarato: “Ci sono persone che reputavo amiche e che ora non vogliono più stringermi la mano, ma un domani mi dovranno chiedere scusa”. L’uomo starebbe sentendo su di sé tutto il peso dei sospetti, al punto da aggiungere: “Anche il fratello di Lilly non mi parla più, sta tenendo un atteggiamento che non capisco, eppure pochi giorni dopo la scomparsa di mia moglie, gli avevo aperto le porte di casa facendogli vedere gli effetti personali della sorella, senza nascondere nulla”. Chiariti invece i presunti malintesi con la cugina di Liliana. Sui funerali della moglie ha confermato che si terranno in forma privata, “con parenti e quella cerchia di amici a lei più vicini. E le faremo anche una bella tomba”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

CASO LILIANA RESINOVICH A STORIE ITALIANE: LE ULTIME NEWS

Il caso di Liliana Resinovich è tornato al centro di “Storie Italiane”, trasmissione di Rai Uno condotta da Eleonora Daniele e andata in onda nella mattinata di oggi, mercoledì 19 gennaio 2022. In apertura di servizio è stato rivelato che i rapporti tra il fratello di Liliana e il marito Sebastiano Visintin non sarebbero tesi, ma inesistenti, tanto che il fratello della vittima ha diffidato il marito, dicendo che il corpo non deve essere cremato per consentire nuove indagini future. L’inviato, Edoardo Lucarelli, ha confermato la notizia: “Il corpo, già sottoposto ad autopsia, potrebbe ancora servire per dare altre risposte. Sembrava che il marito volesse cremarlo, ma invece sarà sepolto, perché potrebbe dare eventuali risposte un domani”.

Intanto, è stato intervistato il proprietario della casa in cui vivevano in affitto i due coniugi: “Abitano da dieci anni qua, a casa mia. Lilly era molto corretta, non so chi possa averle fatto del male. Sebastiano non l’ho visto tanto, ma so che erano una coppia allegra, felice, sempre in giro per il mondo. Il bonifico a me tutti i mesi arrivava da Liliana, pagava 600 euro, spese condominiali comprese”.

LILIANA RESINOVICH, IL PROPRIETARIO DI CASA: “L’HO VISTA L’ULTIMA VOLTA A OTTOBRE”

Il proprietario dell’abitazione presso cui risiedevano in affitto Liliana Resinovich e Sebastiano Visintin ha asserito che, quando ha saputo della sua dipartita, “non ci potevo credere, perché mi sembrava assurdo. Non conoscevo Claudio Sterpin e la signora non mi ha mai accennato nulla. L’ho vista l’ultima volta a ottobre, ci siamo fatti una chiacchierata di dieci minuti. Era una persona splendida, sempre sorridente. Si trovava con le amiche, andava a prendere il caffè, sbrigava le cose, gestiva le faccende finanziarie di casa. I sospetti sono su tutti, senza prove non so cosa dire”.

In coda, una rivelazione clamorosa da parte di Lucarelli: pare che il giorno della sua scomparsa Liliana Resinovich si sia recata nell’area boschiva dove è stata ritrovata priva di vita per incontrare un’altra persona, che non sarebbe né Sebastiano, né Claudio Sterpin.





© RIPRODUZIONE RISERVATA