LIRICA/ “La Medium”, un thriller in musica al Teatro Palladium di Roma

- Giuseppe Pennisi

In scena al Teatro Palladium di Roma una antica opera lirica americana, La Medium, composta dall’italiano Gian Carlo Menotti

Baba Toby medium 640x300
Andrea Sorrentino e Manuela Custer

A Roma, la lirica è di scena non solo al Teatro dell’Opera ma anche in teatri più piccoli. Uno di questi è il Teatro Palladium, un grazioso teatro costruito negli anni Trenta del secolo scorso e ora gestito dall’Università Roma 3. Ha un’acustica eccellente ed è perfetto per le moderne opere da camera come le opere americane originariamente previste per i teatri universitari.

Il 2 ottobre ho visto e ascoltato La Medium che è la versione italiana (approvata dal compositore e librettista) di The Medium, la prima opera di Gian Carlo Menotti. È un’opera drammatica in due atti (della durata complessiva di un’ora). Commissionato dall’Alice M. Ditson Fund alla Columbia University, la sua prima esecuzione fu l’8 maggio 1946. La prima produzione professionale dell’opera fu presentata in cartellone con The Telephone anche quella di Menotti all’Heckscher Theatre di New York City, dal 18 al 20 febbraio 1947 dalla produzione di Broadway. Ebbe luogo il 1º maggio 1947 all’Ethel Barrymore Theatre con lo stesso cast; è stato un grande successo. Inoltre, nel 1951, Menotti diresse, con l’aiuto del regista Alexander Hammid, una versione cinematografica. Una produzione televisiva in diretta con Marie Powers ebbe luogo il 12 dicembre 1948 sulla rete televisiva USA Studio One. È stato girato un film anche per la TV australiana nel 1960. Quindi, ha avuto un discreto successo allora. Negli Stati Uniti, è ancora spesso nel cartellone pubblicitario. A Roma, l’ultimo produzione risale al 1960 ma è stata messa in scena alcune volte al Festival dei Due Mondi a Spoleto.

L’attuale produzione è una joint venture di diversi teatri: il Reate Festival (con sede al Teatro Vespasiano di Rieti), i Teatri d’Opera di Savona e Trapani. Inoltre, l’Accademia di Santa Cecilia ha fornito il Novecento Ensemble diretto da Giovanni Di Stefano e il Teatro dell’Opera ha aiutato con i costumi. L’Accademia Filarmonica Romana è stata pure coinvolta. La produzione si vedrà in quattro città.

La trama sembra essere basato sul ricordo di Menotti della seduta spiritica con un medium a Londra nel 1936 che lui e Samuel Barber frequentarono perché avvenne nella casa del loro ospite.

In breve, Monica, la figlia di Madame Flora, e Toby, un servo muto e suo amante, giocano a travestirsi. Quando Madame Flora, o “Baba”, arriva a casa ubriaca, li rimprovera violentemente per non aver preparato la seduta spiritica. Presto arrivano gli ospiti, il signor e la signora Gobineau, clienti abituali, e la vedova signora Nolan che sta partecipando per la prima volta. Con Madame Flora in trance, si tiene una finta seduta spiritica in cui la signora Nolan parla con quella che pensa sia la sua defunta figlia sedicenne, ma in realtà è Monica dietro uno schermo. Il signor e la signora Gobineau “comunicano” con il loro defunto figlio di due anni Mickey, che, non avendo mai imparato a parlare, ride solo. Dopo averlo salutato, Madame Flora sente una mano fantasma che le stringe la gola ed è “terrorizzata”. Dopo aver chiesto agli ospiti di andarsene, chiama Monica e le dice cosa ha provato, incolpando infine Toby che era nell’altra stanza per tutto il tempo. Nel tentativo di calmarla, Monica le canta la ninna nanna “The Black Swan”, il cigno nero.

Pochi giorni dopo Toby sta dando uno spettacolo di marionette per Monica. Quando Baba torna a casa, riprende le sue accuse nei confronti di Toby. Gli ospiti arrivano di nuovo, aspettandosi un’altra seduta spiritica, ma vengono scacciati da Madame Flora che cerca di convincerli che l’intera faccenda era una farsa. Con tutti andati via, e Monica nella sua stanza, Baba si versa un altro drink e mette in discussione la propria sanità mentale, diventando selvaggia con il bere e alla fine svenendo. Una volta che si è addormentata, Toby si intrufola di nuovo e cerca di entrare nella stanza di Monica, ma la trova chiusa a chiave e alla fine va nel ripostiglio per trovare il suo tamburello. Durante la ricerca, sveglia Baba e si nasconde nel teatro delle marionette.  Baba cerca di vedere da dove proviene il rumore; prende un revolver e gli spara più volte. Mentre il corpo insanguinato di Toby crolla afferrando il sipario, Baba dice: “Ho ucciso il fantasma! Ho ucciso il fantasma!”. Monica, sentendo gli spari, entra, vede il corpo senza vita di Toby e corre in cerca di aiuto. Mentre l’ultimo sipario cade molto lentamente, Baba chiede: “Eri tu?”.

La trama è un thriller noir. La musica si adatta perfettamente. Una partitura diatonica con molto ritmo e abbandoni melodici dove gli archi hanno un ruolo importante. Alcuni critici hanno detto che non era abbastanza innovativo. Tuttavia, Menotti non ha mai cercato l’innovazione o la musica sperimentale, ma solo una buona colonna sonora che si adattasse al dramma come un guanto. Ci sono, naturalmente, arie come “Monica’s Waltz” (Monica), “The Black Swan” (Monica) e “Afraid, am I afraid?” (Baba). Sotto molti aspetti, questo debutto operistico di Menotti stabilisce un percorso per le moderne opere americane come quelle di Jake Heggie.

La regia di Cesare Scarton ha reso intenso il thriller; ha catturato ogni minuto dell’attenzione del pubblico. Efficaci le scenografie di Michele Dalla Cioppa, i costumi di Anna Biagiotti e le luci di Andrea Tocchio. L’Ensemble Novecento ha rappresentato molto bene il dramma.

La parte vocale mostra che questa è un’opera al femminile. Il contralto Manuela Custer (Ms. Flora) è stato superbo. Bravissima Eleonora Bellocci nei panni di Monica. Bravi nei loro ruoli Sabrina Cortese e Stefano Marchisio (Mrs e Mr. Gobineau) così come Angela Schisano (Mrs. Nola). Efficace il mimo Andrea Sorrentino.

Teatro pieno. Caldi applausi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA