Lombardia, quali sono le misure richieste/ “Modello Codogno”: tutto chiuso tranne…

- Silvana Palazzo

Lombardia, quali sono le misure richieste dal governatore Attilio Fontana al Governo? Si va verso “modello Codogno”, quindi verrebbe tutto chiuso tranne alcune attività fondamentali

bollettino coronavirus lombardia
Attilio Fontana e Giulio Gallera (LaPresse, 2020)

Quali sono le richieste avanzate dalla Regione Lombardia al Governo nella lettera inviata dal governatore Attilio Fontana? Si tratta di proposte concordate con i sindaci che riguardano ulteriori misure di contenimento della diffusione del Coronavirus. In questo documento si chiedono dunque nuove e più stringenti restrizioni: si va verso una Lombardia chiusa. Fontana le definisce iniziative «indifferibili» in base ai dati scientifici che sono stati comunicati nel pomeriggio di ieri al governo in occasione della riunione con i ministri Boccia e Speranza e con i presidenti delle Regioni, oltre che all’Istituto superiore di sanità. Nello specifico è stata chiesta la chiusura di tutte le attività commerciale al dettaglio, ad eccezione di quelle relative ai servizi di pubblica utilità, ai servizi pubblici essenziali e alla vendita di beni di prima necessità. Inoltre, si chiede la chiusura di tutti i centri commerciali e degli esercizi commerciali presenti al loro interno, oltre che dei reparti di vendita di beni che non sono di prima necessità.

LOMBARDIA CHIUSA, “MODELLO CODOGNO”: QUALI SONO LE MISURE RICHIESTE

Stando alle richieste della Regione Lombardia al Governo, dovrebbero restare aperte solo le farmacie, le parafarmacie e i punti vendita di generi alimentari e di beni di primaria necessità. Serrande abbassate per bar, pub, ristoranti, attività artigianali di servizio (parrucchieri, estetisti, etc) a eccezione dei servizi emergenziali e di urgenza, degli alberghi e di ogni attività che è destinata alla ricezione (ostelli, agriturismi, etc), ad eccezione di quelle individuate come necessarie per l’espletamento delle attività di servizio pubblico. Sospensione di tutti i servizi mensa sia nelle strutture pubbliche che private e chiusura anche dei servizi terziari e professionali, ad eccezione di quelli legati a pubblica utilità e al corretto funzionamento dei settori precedentemente richiamati. Queste richieste andrebbero a integrare il DPCM 8 marzo 2020. Ma la Regione Lombardia ha fatto sapere di aver raggiunto un accordo con Confindustria Lombardia per regolamentare l’eventuale sospensione o riduzione delle attività lavorative per le imprese. Ma sono in via di definizione altri accordi con le associazioni di categorie per definire misure aggiuntive.



© RIPRODUZIONE RISERVATA