Luca De Aliprandini, argento Gigante Cortina/ Primo podio in carriera per il trentino

- Davide Giancristofaro Alberti

Grande prestazione di Luca De Aliprandini, che ha chiuso al secondo posto ottenendo così la medaglia d’argento nel Gigante a Cortina

De Aliprandini gigante parallelo
(Lapresse)

Grande prestazione dello sciatore italiano Luca De Aliprandini, che ha chiuso al secondo post la prova di Slalom Gigante tenutasi quest’oggi e valevole per i mondiali di Cortina 2021. Una prova superba per il 30enne trentino, che è riuscito a mettersi dietro tutti ad eccezione del collega francese Faivre. Per De Aliprandini la prima medaglia mondiale combacia anche con il primo podio nel campionato del mondo visto che mai fino ad ora era riuscito nemmeno a sfiorare il successo in una manche mondiale.

Che qualcosa di magico stesse succedendo lo si era già capito al termine della prima discesa, quando lo sciatore di Cles, sceso con il pettorale numero 12, aveva chiuso al secondo posto, a soli 40 centesimi di distanza da Pinturault. Intervistato da Rai News al termine della prima prova aveva commentato, mantenendo i piedi per terra: “Ho cercato di spingere e sono andato forte, non mi aspettavo quel distacco al traguardo. E’ stata una bella sorpresa, ora cercherò di recuperare energie perche’ è ancora lunga”.

LUCA DE ALIPRANDINI, ARGENTO SLALOM CORTINA: LA CARRIERA

Nella seconda chance De Aliprandini è partito con 18 centesimi di vantaggio su Faivre, perdendo però il vantaggio subito al primo intertempo; lo sciatore azzurro ha provato ad attaccare e a recuperare, chiudendo poi al traguardo con un ottimo secondo posto, e conquistando così l’argento e il suo primo podio in carriera. Una prova molto rischiosa quella dell’atleta italiano, che ha spinto molto, ma che è riuscito comunque a limitare i danni, concludendo la propria prestazione con il tempo totale di due minuti, 37 secondi e 88 centesimi. De Aliprandini non aveva fino ad oggi mai ottenuto alcuna medaglia iridata, e i suoi migliori precedenti piazzamenti erano stati il 41esimo posto nel 2017 e nel 2020. Era andato meglio invece nel campionato europeo, con un settimo posto assoluto nel lontano 2012, grazie a una vittoria (a Soldeu in Andorra), un secondo posto e tre medaglie di bronzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA