Luciana Littizzetto, morta cagnolina Gigia/ Foto: “Non ci sei più. E nemmeno io”

- Emanuela Longo

Luciana Littizzetto, è morta la sua amata cagnolina Gigia: l’addio su Instagram. Il primo incontro e l’amore incondizionato

luciana littizzetto rai1
Luciana Littizzetto, Rai1

Un grande vuoto ed un dolore indescrivibile per Luciana Littizzetto, che nelle passata ore ha salutato su Instagram Gigia, l’adorata cagnolina morta. Un legame speciale e unico, quello che legava Lucianina alla sua amica a quattro zampe, alla quale ha dedicato un toccante post social raggiunto da decine di migliaia di persone: “Non ci sei più. E nemmeno io. Gigia tesoro mio”, scrive l’attrice e comica. Un ultimo saluto sentito ed al tempo stesso doloroso alla sua “adorabile peste”, alla quale, come ha ricordato tra i commenti lo scrittore Luca Bianchini, le aveva regalato “una seconda vita”. Gigia infatti, prima di conoscere la sua padroncina, non aveva vissuto un’esistenza serena. Era stata la Littizzetto a trovarla nove anni fa “in autostrada, dalle parti di Rho, vicino a Milano, mentre stavo andando a girare uno spot per la Coop”, aveva raccontato l’attrice sul suo blog Cicapui. Il volto comico di Che tempo che fa aveva raccontato anche quel loro primo incontro, con Gigia che all’epoca era “spaventatissima povera cagnina e si dannava l’anima per difendersi”. Quando la cagnolina fu tratta in salvo iniziò il “toto Gigia” a chi l’avrebbe dovuta prendere. “All’inizio tutti disponibili. Lo dico ad un mio amico, magari a mia sorella, ti faccio sapere se a mia nonna… Io avevo già un altro cane, Alì bau bau, già vecchierello e anche lui del canile, non ero tanto dell’idea. Certo che un minuscolo cane… per giunta con due nasi… come si fa. E così nonostante Davide ringhiasse pure lui l’ho portata a casa”.

LUCIANA LITTIZZETTO, MORTA L’AMATA CAGNOLINA GIGIA

E’ iniziata così la convivenza tra Luciana Littizzetto e la sua adorata Gigia, la cagnolina morta nelle passate ore. Viste le dimensioni ed il caratterino che si ritrovava, la sua padroncina avrebbe voluto chiamarla “Brunetta”, ma poi “avendo lei la fisicità di un topo abbiamo optato per il femminile di Gigio. Gigia”. Nel suo post la Littizzetto parlava di destino, nel definire quel loro incontro, e chi ha un cane sa che probabilmente sarà andata esattamente così. “E’ un linguaggio particolare il nostro. Fatto di cuori. Cuori di femmine che battono all’unisono. Arf”, scriveva l’attrice, innamorata più che mai della sua Gigia. Un idillio spezzato solo con la morte. E sono in tanti, colleghi ed amici della sempre solare Lucianina, a cogliere oggi quel suo grande vuoto ed a scriverle un messaggio di vicinanza ed affetto, a partire da Antonella Clerici, anche lei reduce da una perdita simile in seguito alla morte del suo amato Oliver. All’appello non mancano Lucia Ocone e Filippa Lagerback, le cui vite sono illuminate dalla presenza di un insostituibile amico a quattro zampe.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Non ci sei più. E nemmeno io. #gigiatesoromio #❤️

Un post condiviso da Luciana Littizzetto (@lucianinalittizzetto) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA